La rilevazione

Sondaggi politici, i partiti in Italia dopo le elezioni europee: Meloni, governo, i leader, la Francia, la sicurezza

Confermata la cornice del bipolarismo, Conte in caduta libera. La premier dovrebbe allearsi al Partito Popolare e allontanarsi dai governi sovranisti

Politica - di Redazione Web - 1 Luglio 2024 alle 15:08

Condividi l'articolo

Hungary’s Prime Minister Viktor Orban, right, speaks with Italy’s Prime Minister Giorgia Meloni, center, prior to a group photo at an EU summit in Brussels, Thursday, June 27, 2024. European Union leaders are expected on Thursday to discuss the next EU top jobs, as well as the situation in the Middle East and Ukraine, security and defence and EU competitiveness. (AP Photo/Geert Vanden Wijngaert)
Hungary’s Prime Minister Viktor Orban, right, speaks with Italy’s Prime Minister Giorgia Meloni, center, prior to a group photo at an EU summit in Brussels, Thursday, June 27, 2024. European Union leaders are expected on Thursday to discuss the next EU top jobs, as well as the situation in the Middle East and Ukraine, security and defence and EU competitiveness. (AP Photo/Geert Vanden Wijngaert)

Che cosa dovrebbe fare Giorgia Meloni in Europa? Quale atteggiamento dovrebbe assumere verso il centrodestra e i popolari? Quali conseguenze di una vittoria di Le Pen in Francia? Giusto o sbagliato l’accordo con l’Albania per i centri migranti? Solo alcune delle domande che provano a definire il quadro delle idee che gli italiani si sono fatti su politiche e risultati e prospettive dei partiti e dei loro leader dopo i risultati delle elezioni europee. Il sondaggio Quorum / YouTrend per Sky TG24 conferma sostanzialmente la cornice di bipolarismo uscita fuori dalle urne.

Il sondaggio sui partiti dopo le elezioni europee

Anzi: Fratelli d’Italia guadagna perfino quasi mezzo punto percentuale, e sale al 29,2%. Il Partito Democratico invece perde lo 0,1% e scende al 24%. Ancora in picchiata il Movimento 5 Stelle, che perde lo 0,4%, slittando al 9,6%. Forza Italia invece perde lo 0,6%, è al 9%, comunque in vantaggio sull’alleato Salvini. La Lega avrebbe perso ancora, quasi un punto percentuale, è all’8,1%. Stabile l’Alleanza Verdi Sinistra, al 6,8%. Dopo il fallimento alle urne sale Azione, al 3,7%. Italia Viva è al 2,1%, +Europa al 2%, Pace Terra e Dignità al 2,5%. Sud Chiama Nord allo 0,6%, altri partiti all’1,2%, astenuti e indecisi al 39,8%. Le variazioni delle formazioni sono state calcolate rispetto ai risultati alle europee.

Gradimento dei leader e del governo

Durissima proiezione per Giuseppe Conte: il leader del M5s ed ex premier e “avvocato del popolo” è l’unico leader di partito a non vedere una crescita della sua popolarità. Anzi in perdita di mezzo punto percentuale. Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella resta imprendibile con il 67%. Anche Meloni stacca tutti, al 35%. Seguono Tajani, 29, Schlein, 28, Conte, 26, Salvini, 20, Calenda, 17, Renzi, 11. Per il 51% degli intervistati il giudizio sull’operato del governo di centrodestra resta negativo.

 

Cosa deve fare Giorgia Meloni in Europa

A una settimana dagli attriti tra Giorgia Meloni e gli altri leader europei, sulle nomine dei top jobs e gli equilibri all’interno dell’Unione, la strategia della premier non risulta di quelle vincenti. Per esempio il 48% non crede che i 42 europarlamentari del centrodestra sapranno influenzare la politica dell’Unione, per il 53% degli intervistati la Presidente del Consiglio dovrebbe avvicinarsi al Partito Popolare e per il 65% dovrebbe stringere accordi con i governi più europeisti e non sovranisti. Per il 41% degli intervistati il dato più rilevante emerso dal voto è l’affluenza sotto il 50%. Per il 49% la vittoria di Marine Le Pen, con il suo Rassemblement National, alle legislative francesi avrebbe un’influenza negativa per l’Italia.

Sicurezza e immigrazione in Italia

Capitolo sicurezza: il 55% non si sente al sicuro nelle città italiane, per il 49% come succedeva due anni fa, per il 39% addirittura meno al sicuro rispetto a due anni fa. Sbagliata infine la scelta di stringere accordi con l’Albania in termini di immigrazione per il 48% degli intervistati, sbagliata anche la decisione di fissare una cauzione per evitare a un richiedente asilo di evitare la permanenza nei CPR per il 53%.

Sondaggio svolto con metodologia CAWI tra il 25 e il 27 Giugno 2024 su un campione di 805 intervistati rappresentativi della popolazione maggiorenne residente in Italia, indagate per quote di genere ed età incrociate, stratificate per titolo di studio e ripartizione ISTAT di residenza. Il margine d’errore è del +/- 3,1% con un intervallo di confidenza del 95%

1 Luglio 2024

Condividi l'articolo