L'analisi su Haaretz

L’accusa di Gideon Levy: “La destra israeliana sogna l’Armageddon”

Scrive Levy su Haaretz: “Non li sentirai mai dire: basta, abbiamo ucciso e distrutto abbastanza. Vogliono vedere scorrere più sangue palestinese, a Gaza, e vogliono vedere il sangue anche in Iran. È la teoria dardaleh, di Ben-Gvir...”

Esteri - di Umberto De Giovannangeli - 27 Aprile 2024

CONDIVIDI

L’accusa di Gideon Levy: “La destra israeliana sogna l’Armageddon”

Spianeranno Rafah e grideranno vittoria. Un grido di morte. Lo racconta su Haaretz Gideon Levy, con emozione e sdegno. “Dardaleh! è il nuovo grido di battaglia di Israele. Dardaleh – gergo ebraico che indica un calcio debole nel calcio – è l’ultima espressione dell’inestinguibile sete di sangue e distruzione della destra.

“Dardaleh!” Itamar Ben-Gvir ha twittato in relazione all’attacco di venerdì vicino a Isfahan, esprimendo il suo disappunto per la portata della morte e della distruzione che Israele ha seminato, ed è stato citato in tutto il mondo. Non è mai abbastanza per la destra. È sempre dardaleh.

L’attacco israeliano che soddisfa pienamente la sua brama non è ancora nato. Non sentirai mai la destra dire: Basta. Abbiamo ucciso e distrutto abbastanza. Ne vorrà sempre di più. A Gaza si bombardano sempre e solo le “dune” e anche ora, quando la Striscia è in rovina, per la destra non è abbastanza. Vuole Rafah.

Quando l’esercito distruggerà Rafah e tutti i suoi rifugiati saranno dispersi al vento, anche questa sarà un’operazione dardaleh, che sarà seguita immediatamente dalla richiesta di tornare nella Striscia settentrionale e ricominciare la distruzione. Altrimenti, questa sarà considerata una guerra dardaleh.

“A Gaza eravamo una mandria di elefanti che si lasciava dietro le rovine”, si è vantato il Brig. Gen. Dado Bar Kalifa in un’intervista rilasciata a Ynet venerdì l’altro. A destra, anche questa mandria di elefanti calpestanti è dardaleh.

Una parola la cui origine non è chiara, che finge di essere yiddish ma non lo è, che viene usata soprattutto nel calcio, è diventata l’espressione più vera del desiderio della destra di colpire, uccidere, punire, vendicare. Israele uccide sette persone in un compound diplomatico iraniano a Damasco, tra cui due generali.

L’Iran risponde con un attacco feroce, ma i danni sono minimi grazie ai sistemi di difesa e Israele non può resistere. Deve assolutamente rispondere. Per la prima volta dopo tanto tempo lo fa con una lodevole moderazione, ma i Ben-Gviri non la vedono così. Come a Gaza, vogliono solo vedere versare sempre più sangue palestinese e vogliono vedere sangue anche in Iran.

Il fatto che una risposta israeliana più dura avrebbe scatenato una guerra regionale non solo non li dissuade, ma li eccita. Basta dare loro una guerra regionale, preferibilmente contro tutti. Stanno schiumando dalla bocca, vogliono solo di più.

Vogliono Gog e Magog, Armageddon. Quando Ben-Gvir ha twittato “Dardaleh!” intendeva dire che voleva una grande guerra con l’Iran, una guerra totale che scatenasse l’immaginazione, quella che avrebbe portato alla soluzione finale che lui sogna.

Tutto il resto – il terribile prezzo che Israele pagherà, il sangue, il mondo – è messo in ombra da questo desiderio di vedere più morte e distruzione possibile. Questa è la vera aspirazione della destra. Ben-Gvir sa che un’operazione più ampia avrebbe richiesto la risposta dell’Iran e che Israele non avrebbe avuto altra scelta se non quella di rispondere nel modo consueto, per poi ritrovarsi in guerra con l’Iran, una nazione di 90 milioni di persone con un esercito enorme.

Questo è ciò che vuole il padre della teoria dardaleh. Non è certo che in Israele ci sia mai stata tanta sete di sangue e di guerra, certamente non in modo così visibile o da parte di un partner del governo. La destra ha sempre voluto molto di più – più territorio, più forza – ma non ha mai desiderato la guerra.

Ben-Gvir sa che scrivendo “dardaleh” sta accontentando la sua base in continua crescita. Vogliono un’altra guerra. Una guerra con gli arabi e i musulmani è la migliore, fratello. Guardate Channel 14 News e guardate i “talenti” i cui occhi stanno quasi uscendo dalle orbite per il loro zelo verso la guerra.

Colpiremo e devasteremo, rovineremo e saccheggeremo. Prima prenderemo i palestinesi, poi i persiani. Nessuno può fermarci, possiamo fare tutto da soli. Non c’è mondo, non c’è diplomazia; solo forza, tutto con la forza, senza limiti.

L’ironia è che queste persone così deluse dalla dardaleh sono esse stesse piuttosto dardaleh. Se Israele viene attaccato, almeno alcuni di loro saranno gli ultimi a pagarne il prezzo – come lo stesso Ben-Gvir, un generale di carta che distribuisce armi alle masse e vuole una grande guerra, alla quale ovviamente non parteciperà. Ben-Gvir il dardaleh”.

27 Aprile 2024

Condividi l'articolo