Il racconto del giornalista

La guerra fatta col joystick, il racconto di Gideon Levy

“Se si deve scegliere, la scelta è tra uno Stato ebraico e uno Stato democratico perché non è più possibile avere entrambi” scrive lo scrittore israeliano su Haaretz che resta, in Israele, prezioso giornale in cui si discute

Esteri - di Redazione Web - 2 Aprile 2024 alle 13:02

Condividi l'articolo

La guerra fatta col joystick, il racconto di Gideon Levy

Un capitolo nuovo della tragedia di Gaza raccontata da Gideon Levy.

Scrive sul giornale Haaretz il giornalista israeliano: “Quattro amici si mettono in viaggio. Camminano su una strada di sabbia spianata dove un tempo sorgevano le case. Camminano con determinazione. Dall’alto non sembrano spaventati. Di tanto in tanto accelerano un po’ il passo. La strada è stata solcata dai cingoli dei carri armati. Dove stanno andando? Non lo sapremo mai. Le macerie li scortano su entrambi i lati della strada. Le loro mani sono nude, sono disarmati. Qui c’era il quartiere Al-Sika di Khan Yunis, ora solo rovine. L’uomo all’estrema destra parla, facendo ampi gesti con le braccia. Di cosa stanno parlando. Anche questo non lo sapremo mai.

All’improvviso, dal cielo, due raffiche di fuoco in rapida successione e poi una nuvola di sabbia e fumo si alza sopra i quattro. Quando il fumo si dissolve, scopriamo la vista dei due corpi mutilati.  Il drone continua a filmare. Come una fenice uno dei quattro risorge dall’inferno e si allontana. Cerca di fuggire per salvarsi, ma non ci riesce. Il drone si rifiuta di lasciarlo solo. L’operatore del drone, con la mano sul joystick, non cede”.

“L’uomo corre e la telecamera del drone si sposta verso l’alto. Ora l’uomo è un piccolo punto nero che corre terrorizzato. Nessun volto, braccia o gambe, solo un puntino nero che fugge disperatamente per la sua vita. Riduci l’immagine e subito dopo ingrandiscila, quasi un primo piano. Ora puoi vederlo chiaramente. Inciampando, porta con una mano un capo di abbigliamento o un tappeto. Ancora una volta, dal cielo, un missile, fuoco e colonne di fumo. Un altro colpo andato a segno”.

Racconta Levy: “Il fumo bianco si disperde lentamente e la telecamera si sposta a sinistra. Il secondo sopravvissuto zoppica e poi cade in ginocchio sulla sabbia, striscia e poi si sdraia con le ultime forze. Questi sono anche i suoi ultimi secondi. L’esercito israeliano non lascia indietro i feriti. Mentre striscia, il quarto missile colpisce. Un’altra nuvola di fumo, attraverso la quale si intravede un altro corpo. La telecamera si allontana, come alla fine di un film”.

“I quattro corpi giacciono sulla sabbia, come quattro insetti schiacciati, circondati da cenere nera. A cosa stavano pensando quando sono andati inconsapevolmente incontro alla morte? Cosa stavano sognando che sarebbe potuto arrivare il giorno dopo? Cosa si sono lasciati alle spalle? Al Jazeera ha trasmesso il video giovedì l’altro – continua Levy – Israele ha sbadigliato venerdì.

Il ‘Meccanismo di accertamento e valutazione dello Stato Maggiore’, l’ultima moda nel campo degli insabbiamenti, sta esaminando l’incidente. E presumibilmente la cosa finirà lì. Dopo tutto, le Forze di Difesa Israeliane non sparano a persone disarmate, certamente non intenzionalmente.

‘Khan Younis [sic] è una zona di combattimento attiva che ha subìto una significativa evacuazione di civili. Le truppe dell’Idf hanno avuto molti incontri con terroristi che si erano travestiti con abiti civili, accedendo ad armi nascoste nelle infrastrutture civili’, ha dichiarato l’Idf sul suo account X in lingua inglese. I soldati che hanno sparato attraverso lo schermo tremolante di fronte a loro volevano che il loro servizio militare obbligatorio fosse significativo, e l’hanno ottenuto.

Cosa c’è di più significativo che uccidere persone in fuga con missili teleguidati? Porteranno con sé i ricordi e le esperienze della guerra; forse un giorno se ne pentiranno, forse no. Forse le loro vittime erano combattenti di Hamas, gli operatori dei droni presumibilmente non lo sapranno mai. Forse si trattava di civili innocenti che andavano alla ricerca di cibo per la loro famiglia affamata.

I brontolii dei loro stomaci non potevano essere uditi sopra il ronzio del drone. Anche se si dimostrasse che i quattro stavano cercando del cibo ed erano membri dell’immaginario Esercito della Salvezza di Gaza, nessuno si farà un esame di coscienza. Dopo tutto, l’incidente è avvenuto al di là delle oscure montagne della consapevolezza israeliana, forse al confine tra India e Pakistan. Le persone sono vive un momento e morte quello dopo, qual è il problema? C’est la guerre”.

Scrive Gideon Levy: “Il lettore Dan Levy (non è un parente e non lo conosco), che non conosco, ha pensato alla canzone degli Alan Parsons Project Eye In The Sky, di cui Ahinoam Nini, tra gli altri, ha fatto una splendida interpretazione: ‘Sono l’occhio nel cielo / Ti guardo / Posso leggere la tua mente / Sono il creatore di regole / Trattare con gli sciocchi / Posso imbrogliarti alla cieca / e non ho più bisogno di vedere. Dedicato a colui che ha premuto il pulsante e ucciso quattro esseri umani nelle rovine di Khan Yunis’”.

Ma in Israele c’è chi non chiude gli occhi di fronte alla mattanza di Gaza. E informa, documenta, denuncia. Un’organizzazione di nome B’Tselem. Racconta Levy: “Se non fosse per B’Tselem tutti noi sapremmo molto meno dell’occupazione. Non sarebbe importante per la maggior parte degli israeliani e dei media israeliani, che si rifiutano di sapere e di riferire, ma sarebbe molto importante per l’immagine morale di Israele.

Quando si chiede di trovare qualcosa di buono da dire su Israele, B’Tselem è una bella risposta. La persecuzione di B’Tselem non è iniziata ieri, ma ora la sinistra e i difensori dei diritti umani si stanno unendo.

B’Tselem non ha rispettato gli standard: l’organizzazione israeliana per i diritti umani non ha condannato a sufficienza gli eventi del 7 ottobre, dopo la denuncia iniziale del 9 ottobre. Oggi è impossibile opporsi alla guerra, essere scioccati dai suoi crimini, essere inorriditi dal destino di Gaza, provare compassione per i suoi abitanti, senza prima condannare i crimini di Hamas”.

Levy cita una affermazione di Anat Kamm fatta sul suo stesso giornale, Haaretz: “Anat Kamm afferma che Orly Noy e Yuli Novak, rispettivamente presidente e direttore esecutivo dell’organizzazione, non hanno ‘preso in considerazione il massacro’. (Kamm cita Novak, che ha descritto il massacro come ‘un atto di resistenza o ribellione contro il regime di apartheid israeliano’, ma Eyal Hareuveni, ricercatore di B’Tselem, ha affermato che Novak ha chiarito che si trattava di un atto di resistenza illegittimo.

Il massacro del 7 ottobre è stato effettivamente un atto illegittimo e criminale di ribellione e resistenza contro un’occupazione e un regime di apartheid che non è meno illegittimo e criminale. Non solo B’Tselem rimane un’organizzazione legittima, ma la lotta per la sua esistenza dovrebbe essere intensificata ora, in questi giorni terribili di crimini di guerra, violazioni del diritto internazionale e calpestamento dei diritti umani”.

“No Anat Kamm – scrive Levy – non c’è bisogno di scegliere tra diritti umani e nazionalismo palestinese. È molto dubbio che il massacro sia stato compiuto in nome del nazionalismo. L’odio è alimentato principalmente dall’occupazione. Se si deve scegliere, la scelta è tra uno Stato ebraico e uno Stato democratico, perché non è più possibile avere entrambi.

Entrambe le lotte, quella contro la guerra a Gaza e quella contro l’apartheid israeliana, non sono portate avanti in nome del nazionalismo palestinese, ma piuttosto in nome della moralità e del diritto internazionale. Non ho nulla a che fare con il nazionalismo palestinese e nemmeno con B’Tselem.

No, Anat Kamm – continua il giornalista israeliano – i dirigenti di B’Tselem non hanno dimenticato che si tratta di ‘un’organizzazione per i diritti umani e non di un movimento per la liberazione di Gaza’, come hai scritto tu, e non c’è bisogno di ‘ricordarglielo’. È impossibile essere un’organizzazione per i diritti umani senza essere un movimento per la liberazione di Gaza, perché non esistono diritti umani senza la liberazione di Gaza.

La liberazione della Striscia di Gaza e della Cisgiordania sono la chiave, bisogna lottare per questo ed è quello che sta facendo B’Tselem, uno degli ultimi a farlo in Israele. La sinistra dovrebbe chinare il capo in segno di ammirazione per B’Tselem, non farle la morale per non essersi conformata agli standard”.

Dice Levy di essere un frequent flyer di B’Tselem. Dice che la maggior parte del suo lavoro sul campo si basa su quello dei ricercatori di B’Tselem. “Non sono mai stato nei suoi uffici, ma quasi ogni settimana vado in Cisgiordania accompagnato da uno degli eccellenti, affidabili e professionali ricercatori palestinesi dell’organizzazione.

Loro, che hanno visto tutto, a volte piangono, soprattutto negli ultimi tempi. Loro, che hanno visto tutto, non si arrendono mai alla verità, indagano e curiosano – racconta – e forse è per questo che alcuni di loro hanno messo in dubbio i rapporti israeliani sul 7 ottobre. È stato spiacevole. Ho discusso con loro aspramente e mi è dispiaciuto molto, ma è così che vanno le cose quando si è esposti per decenni alle bugie dell’occupazione”.

“Quando la settimana scorsa ho chiesto alla direttrice ad interim delle relazioni internazionali, Sarit Michaeli, i dati sui palestinesi uccisi in Cisgiordania dal 7 ottobre, mi ha potuto fornire solo le cifre relative alla fine di febbraio. Non hanno ancora indagato a fondo sulle uccisioni di marzo.

All’estero, e anche nell’esercito israeliano, B’Tselem è nota per la sua scrupolosità, è per questo che i dati dell’organizzazione sono considerati così affidabili. La discussione che è scoppiata nella sinistra su B’Tselem nasconde questioni più profonde. Questa sinistra non smette mai di cercare giustificazioni per la terribile guerra e per il suo vergognoso silenzio al riguardo. Questa sinistra vuole anche distogliere l’attenzione dai crimini della guerra. B’Tselem non le darà ciò che vuole”, conclude Levy.

2 Aprile 2024

Condividi l'articolo