Il mistero sul decesso

Morte Navalny, l’attivista Osechtin: “Ucciso con un pugno al cuore”

Le rivelazioni pubblicate dal Times: l'oppositore di Vladimir Putin lasciato per ore al gelo, poi la tecnica mortale utilizzata dagli agenti dell'ex Kgb

Esteri - di Redazione Web - 21 Febbraio 2024

CONDIVIDI

Navalny ucciso con un pugno al cuore

L’oppositore russo Aleksei Navalny sarebbe stato ucciso con un pugno al cuore, una tecnica che una volta veniva insegnata agli agenti delle forze speciali del Kgb, dopo essere stato esposti a condizioni di gelo per diverse ore. Vladimir Osechkin, fondatore del gruppo per i diritti umani e nelle carceri Gulagu.net, ha detto al Times che i lividi trovati sul corpo del leader dell’opposizione sono coerenti con la tecnica del “pugno unico“, citando una fonte che lavorava nella colonia penale artica dove Navalny è morto venerdì.

Come è morto Alexei Navalny

Prima della sua morte, Navalny, 47 anni, era stato costretto a trascorrere più di due ore e mezza all’aperto in uno spazio di isolamento dove la temperatura poteva scendere fino a -27 , ha detto Osechkin. Normalmente i prigionieri vengono tenuti all’aperto per non più di un’ora, e quando le condizioni sono così estreme anche per meno tempo. “Penso che prima abbiano distrutto il suo corpo tenendolo a lungo al freddo e rallentando la circolazione sanguigna al minimo“, ha detto Osechkin.

Le rivelazioni sulla morte di Navalny

E poi diventa molto facile uccidere qualcuno, in pochi secondi, se l’agente ha una certa esperienza in questo campo. E’ un vecchio metodo delle divisioni delle forze speciali del Kgb. Hanno addestrato i loro agenti a uccidere un uomo con un pugno al cuore, al centro del corpo. Era un segno distintivo del Kgb“, ha spiegato l’attivista.

21 Febbraio 2024

Condividi l'articolo