Conflitto in Medio Oriente

Ostaggi israeliani rapiti da Hamas, Netanyahu conferma l’accordo: “Scelta difficile ma giusta. Ora la tregua, dopo la guerra”

Fondamentale la mediazione di Usa e Qatar. Anche le opposizioni del governo ebraico e il Presidente Herzog hanno sostenuto il 'patto' con i terroristi

Esteri - di Redazione Web - 22 Novembre 2023

CONDIVIDI

Ostaggi israeliani rapiti da Hamas, Netanyahu conferma l’accordo

Il governo israeliano ha votato a favore dell’accordo per un cessate il fuoco temporaneo con Hamas che comporterebbe lo scambio di ostaggi detenuti dal gruppo terrorista per i detenuti palestinesi nelle carceri israeliane. Secondo un alto funzionario israeliano, il piano vedrà Hamas rilasciare 30 bambini rapiti, otto madri e altre 12 donne durante un cessate il fuoco di cinque giorni. Lo scrive il quotidiano israeliano Haaretz. Secondo le fonti, tutti i rami dei servizi di sicurezza israeliani – l’Idf, lo Shin Bet e il Mossad – sostengono l’accordo previsto. Il funzionario ha aggiunto che l’accordo è solo per gli israeliani che sono ancora in vita, aggiungendo che Hamas può rilasciare i cittadini stranieri allo stesso tempo, in conformità con gli accordi raggiunti con quei paesi. All’inizio della riunione del governo israeliano, composto da 38 membri, il Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha stabilito che l’accordo include visite della Croce Rossa agli ostaggi che non sono ancora stati rilasciati, nonchè la fornitura di medicine.

Ostaggi israeliani rapiti da Hamas: Netanyahu conferma l’accordo

Netanyahu ha anche insistito sul fatto che il cessate il fuoco non significa la fine della campagna israeliana a Gaza. L’accordo serve “per garantire il rilascio degli ostaggi presi dal gruppo terroristico Hamas durante il suo brutale attacco contro Israele il 7 ottobre. Jill e io abbiamo tenuto tutti coloro che erano tenuti in ostaggio e i loro cari vicini ai nostri cuori in queste settimane, e sono straordinariamente gratificato che alcune di queste anime coraggiose, che hanno sopportato settimane di prigionia e una prova indicibile, saranno riunite con le loro famiglie una volta che questo accordo sarà pienamente attuato“. Biden ha ringraziato lo sceicco Tamim bin Hamad Al-Thani del Qatar e il presidente Abdel-Fattah El-Sisi dell’Egitto per “la loro leadership e la loro partnership nel raggiungimento di questo accordo“.

Ostaggi israeliani rapiti da Hamas: gli Usa e il Qatar

Ha anche affermato di “apprezzare l’impegno che il primo ministro Netanyahu e il suo governo hanno assunto nel sostenere una pausa prolungata per garantire che questo accordo possa essere pienamente portato a termine e per garantire la fornitura di ulteriore assistenza umanitaria per alleviare la sofferenza di famiglie innocenti palestinesi a Gaza. Come Presidente, non ho priorità più alta che garantire la sicurezza degli americani tenuti in ostaggio in tutto il mondo. L’accordo di oggi è una testimonianza dell’instancabile diplomazia e determinazione di molti uomini della nostra Amministrazione che si sono dedicati alla missione di riportare gli americani a casa“. Il presidente israeliano Isaac Herzog ha definito “doloroso e difficile” l’accordo sugli ostaggi concluso con Hamas, specificando però di di “sostenere” la decisione del premier Netanyahu.

Chi sono gli ostaggi israeliani rapiti da Hamas: le opposizioni e il presidente Herzog

Le riserve sono comprensibili, dolorose e difficili, ma date le circostanze sostengo la decisione del primo ministro e del governo di portare avanti l’accordo per il rilascio degli ostaggi“, ha affermato Herzog su X. “Si tratta di un dovere morale ed etico che esprime correttamente il valore ebraico e israeliano di garantire la libertà di coloro che sono tenuti prigionieri, con la speranza che sia un primo passo significativo per riportare a casa tutti gli ostaggi – prosegue il presidente -. Lo Stato di Israele, le Idf e tutte le forze di sicurezza continueranno ad agire in ogni modo possibile per raggiungere questo obiettivo, insieme al ripristino della sicurezza assoluta dei cittadini di Israele“. Yair Lapid, leader dell’opposizione israeliana al governo di Netanyahu, ha detto di “appoggiare” l’accordo per la liberazione di una parte degli ostaggi votato la notte scorsa dall’esecutivo. Sottolineando che circa 200 ostaggi rimarranno nelle mani di Hamas a Gaza, Lapid ha affermato su X che “Israele ha la suprema obbligazione di continuare a lavorare per riportare tutti gli ostaggi, fino all’ultimo, a casa“.

22 Novembre 2023

Condividi l'articolo