La richiesta dei Pm

Suicidio assistito, la Procura di Milano: “Archiviazione per Marco Cappato”

Sono due i casi per i quali il Tesoriere dell'Associazione Luca Coscioni si è autodenunciato. Entrambe le persone coinvolte sono state accompagnate in Svizzera: erano rispettivamente un malato grave di Parkinson e una donna in stato terminale a causa del cancro

Politica - di Andrea Aversa - 18 Settembre 2023 alle 16:35 AGGIORNATO IL 18 Settembre 2023 alle 16:49

Chiesta l’archiviazione per Cappato sul suicidio assistito

La Procura di Milano ha chiesto l’archiviazione dell’accusa di aiuto al suicidio per Marco Cappato, tesoriere dell’Associazione LucaCoscioni e candidato alle suppletive per il Senato a Monza, sui casi delle due persone che ha accompagnato a morire col suicidio assistito in una clinica svizzera per i quali si era autodenunciato nel capoluogo lombardo. La decisione dei magistrati è stata presa e resa pubblica oggi stesso.

Chiesta l’archiviazione per Cappato sul suicidio assistito

A novembre aveva portato in Svizzera Romano, 82 anni, ex giornalista e pubblicitario, relegato in un letto da una forma grave di Parkinson, mentre la scorsa estate aveva offerto il suo aiuto per l’ultimo viaggio di Elena Altamira, 69enne veneta malata terminale di cancro. Quella di Cappato e dell’Associazione Luca Coscioni è una battaglia che va avanti da tanti anni. Il diritto al fine vita ha ottenuto anche un enorme riscontro popolare: centinaia di migliaia le firme raccolte per una legge di iniziativa popolare poi affossata dal Parlamento.

Le elezioni

Abbiamo chiesto a Cappato un commento ‘a caldo’ in merito alla richiesta dei pm. Dallo staff dell’attivista politico ci hanno risposto che qualsiasi dichiarazione sarà fatta nel momento in cui saranno note le motivazioni e arriverà anche la decisione del Gip. Intanto, la data delle elezioni suppletive si avvicina e il Tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni ha incassato anche il sostegno del Partito Democratico. Inoltre è stata ultimata la raccolta e consegna delle firme valide proprio per entrare a far parte della competizione elettorale.

Il programma

Cappato è sempre stato chiaro: è pronto a portare in Parlamento la sua storia politica e quindi i temi che l’hanno sempre contraddistinta. I diritti civili, l’antiproibizionismo, il promuovere la partecipazione politica dei cittadini e – soprattutto – la lotta contro il cambiamento climatico. “Oggi abbiamo depositato le firme per la candidatura: siamo ufficialmente in campo! Col ‘Comitato Cappato’, grazie a tutte le persone e organizzazioni che ci sostengono, siamo pronti a una sfida che sta già riservando ottime sorprese. E diventiamo ogni giorno più numerosi. Forza!“, ha scritto e pubblicato ieri sui social, proprio Cappato.

18 Settembre 2023

Condividi l'articolo