L'inutile polemica

La provocazione di La Russa: “Ragazzi di Ultima generazione vadano a spalare il fango”, ma sono già in Emilia Romagna…

Politica - di Carmine Di Niro - 20 Maggio 2023 alle 09:46

Condividi l'articolo

La provocazione di La Russa: “Ragazzi di Ultima generazione vadano a spalare il fango”, ma sono già in Emilia Romagna…

Ignazio La Russa continua a provocare, interpretando il suo ruolo di presidente del Senato, figura di garanzia e seconda carica dello Stato, come se fosse ancora un esponente apicale del suo partito, Fratelli d’Italia.

Mentre infatti l’Emilia Romagna ‘affoga’ sotto metri d’acqua, con la Romagna  in particolare dove centinaia di volontari e uomini della Protezione civile sono impegnati per aiutare la popolazione locale ad affrontare le conseguenze dell’alluvione, il presidente del Senato trova il tempo per polemizzare ed attaccare gli ecoattivisti di Ultima Generazione.

Faccio una proposta”, ha detto all’agenzia Ansa la seconda carica dello Stato, “vadano per almeno una settimana da volontari in Emilia-Romagna e certifichino il loro attivo operare per spalare il fango e aiutare a eliminare i danni dell’alluvione”.

Quindi La Russa si rivolge agli ambientalisti attualmente imputati per aver imbrattato con della vernice lavabile la facciata del Senato per denunciare l’inazione climatica del governo italiano: “Sarà mia cura provare a convincere il Senato a ritirare la costituzione di parte civile nei loro confronti avendo dato prova di volere concretamente fare qualcosa per l’ambiente”.

Al presidente del Senato hanno risposto in prima battuta gli stessi membri di Ultima Generazione: “Noi siamo già in Emilia Romagna a spalare il fango”, ha detto l’ecologista Maria Letizia Ruello, parlando con l’Adnkronos. “Siamo tra le persone che stanno prestando soccorso. Comuni cittadini senza bandiere, non stiamo cercando visibilità. Quello che sta accadendo in Emilia-Romagna ci ha colpito moltissimo, anche personalmente. Io abito vicino Senigallia, città interessata dall’allerta meteo”.

Per Ruello quello di La Russa è “un ricatto vigliacco”. Inoltre l’ecoattivista sottolinea come “chiamarci ragazzi è puro paternalismo: io ho 63 anni. La Russa ci dice: fate i bravi e vi toglierò la punizione. Ultima generazione è già in Emilia-Romagna ma non la vedete. Mio figlio si trova lì, a spalare. È uno dei tanti. Noi siamo una piccolissima avanguardia. Se 20 persone si siedono sull’asfalto del Gra per bloccare il traffico, ve ne accorgete. Se 20 persone vanno a spalare non ve ne accorgete”.

20 Maggio 2023

Condividi l'articolo