La rete Mesarvot

Guerra a Gaza, la storia di Sofia Orr

Tal Mitnick e Ben Arad ancora in prigione. Sofia Orr, 18 anni, che si era rifiutata di arruolarsi a febbraio, è stata rilasciata dopo la detenzione in carcere militare dal Comitato per l’obiezione di coscienza dell’esercito

Esteri - di Redazione Web - 8 Giugno 2024 alle 18:22

Condividi l'articolo

Foto da X
Foto da X

L’ obiettrice di coscienza Sofia Orr è stata esonerata dal servizio nell’esercito israeliano dopo 85 giorni di carcere militare; Tal Mitnick è stato processato e condannato per la quinta volta a 35 giorni di carcere, per un totale di 185.

La scorsa settimana, Sofia Orr, 18 anni, che si era rifiutata di arruolarsi lo scorso febbraio, è stata rilasciata dal Comitato per l’obiezione di coscienza dell’esercito.

Lo stesso comitato non ha liberato l’obiettore di coscienza Tal Mitnick, processato per la prima volta nel dicembre 2023. Un altro attivista della rete Mesarvot, Ben Arad, ha scontato finora 50 giorni di carcere.

Sofia Orr ha dichiarato dopo la sua esenzione: “Sono stata rilasciata dal carcere, ma questa orribile guerra non è ancora finita. Al contrario, le cose stanno peggiorando. Questi lunghi mesi di carcere mi hanno fatto capire l’importanza dell’empatia e dell’umanità e hanno rafforzato la mia fede nell’uguaglianza, nella solidarietà e nella necessità di raggiungere una soluzione politica. Ora è più importante che mai lottare per questi valori. Continuerò a lottare per loro e per il rilascio dei miei amici Tal e Ben”.

8 Giugno 2024

Condividi l'articolo