La lettera su Haaretz

Israeliani, sveglia! A Gaza una barbarie, siamo diventati come Hamas: la lettera di Gideon Levy

L’attacco del 7 ottobre non cambia i fatti: da oltre un secolo vessiamo i palestinesi, ora annientati dalla guerra di Bibi. La verità è che siamo diventati come i terroristi che diciamo di voler fermare

Esteri - di Umberto De Giovannangeli - 16 Marzo 2024

CONDIVIDI

Israeliani, sveglia! A Gaza una barbarie, siamo diventati come Hamas: la lettera di Gideon Levy

È una lettera bellissima, struggente, dura, che unisce, mirabilmente, sentimento e ragione. La lettera aperta indirizzata da Gideon Levy all’Israele laica, progressista, di sinistra.

Una lettera individuale e collettiva. Straordinaria. Pubblicata su Haaretz, baluardo dell’informazione indipendente e dalla schiena dritta in tempi di guerra e di stampa “militarizzata”. Un discorso che ci tocca da vicino.

“Cari amici ed ex amici: è arrivato il momento di smaltire la sbornia. All’inizio era infondata, ma ora, quasi mezzo anno dopo che i vostri “occhi sono stati aperti”, è tempo di tornare alla realtà.

È ora di tornare a vedere il quadro completo, di riattivare la coscienza e la bussola morale che sono state spente e riposte il 7 ottobre e di vedere cosa è successo da allora a noi e, sì, ai palestinesi.

È ora di togliere le bende che ti sei messo, non volendo vedere e non volendo sapere cosa stiamo facendo a Gaza, perché hai detto che Gaza se lo merita e le sue catastrofi non ti interessano più. Molti israeliani e palestinesi hanno “smaltito la sbornia”. Io mi rifiuto di fare lo stesso. È ora che la destra israeliana smetta di fare i conti con il passato.

Oltre 30.000 morti a Gaza, ma anche la “sinistra liberale” israeliana dice: “Non è una guerra”: Questa è la guerra. Il 7 ottobre ti sei arrabbiato, ti sei sentito umiliato, sei rimasto sbalordito, terrorizzato, scioccato e addolorato. Tutto ciò era pienamente giustificato. È stato uno shock enorme per tutti.

Ma le conclusioni che hai tratto da questo shock non erano solo sbagliate, erano l’opposto delle conclusioni che si sarebbero dovute trarre dal disastro. Non si perseguono le persone nel loro dolore, di certo non i sionisti di sinistra il cui dolore è la loro arte, ma è ora di scrollarsi di dosso lo shock e svegliarsi.

Pensavi che quanto accaduto il 7 ottobre giustificasse qualcosa? Beh, non è così. Pensavi che ora Hamas debba essere distrutto a tutti i costi? Ebbene, no. Non si tratta solo di giustizia, ma anche di riconoscere i limiti della forza. Non è che tu sia malvagio e sadico, o razzista e messianico, come la destra.

Hai solo pensato che il 7 ottobre avesse improvvisamente dimostrato quello che la destra ha sempre detto: che non c’è un partner perché i palestinesi sono selvaggi. Cinque mesi dovrebbero essere sufficienti per superare non solo la tua reazione istintiva, ma anche le tue conclusioni. Il 7 ottobre non avrebbe dovuto cambiare i tuoi principi morali o la tua umanità.

Ma li ha stravolti, il che è un serio motivo di preoccupazione per la solidità dei tuoi principi morali. L’attacco barbaro e crudele di Hamas contro Israele non cambia la situazione di base in cui viviamo: quella di un popolo che da oltre un secolo vessa e tiranneggia un altro popolo in modi diversi e con intensità variabili. Gaza non è cambiata il 7 ottobre.

Era uno dei luoghi più miserabili del pianeta prima del 7 ottobre e lo è diventato ancora di più dopo. La responsabilità di Israele per il destino di Gaza e la sua colpa non sono cambiate in quel terribile giorno.

Non è l’unica parte colpevole e non ha la piena responsabilità, ma ha un ruolo decisivo nel destino di Gaza. La sinistra non può sottrarsi a questa responsabilità e a questa colpa.

Dopo lo shock, la rabbia e il dolore, è giunto il momento di smaltire la sbornia e di guardare non solo a ciò che ci è stato fatto, come i media israeliani ci ordinano di fare giorno e notte, ma anche a ciò che stiamo facendo a Gaza e in Cisgiordania dal 7 ottobre.

No, la nostra catastrofe non è sufficiente, nulla al mondo può compensarla. La destra celebra le sofferenze dei palestinesi, ne gioisce e ne vuole ancora di più, mentre la sinistra guarda altrove e rimane terribilmente in silenzio. Sta ancora “smaltendo la sbornia”. È ora di smetterla.

Ciò che il mondo intero vede e comprende dovrebbe essere compreso anche da almeno una parte di quello che una volta era il campo della coscienza e dell’umanità. Non ci soffermeremo sul ruolo della sinistra sionista nell’occupazione e nell’apartheid, né sulla sua ipocrisia.

Ma come può un intero popolo distogliere lo sguardo dagli orrori che sta commettendo nel suo cortile, senza che nessun campo rimanga a gridare contro di loro?

Come può una guerra così brutale continuare senza alcuna opposizione all’interno della società israeliana? La sinistra sionista, che vuole sempre sentirsi bene con se stessa e considerarsi illuminata, democratica e liberale, deve ricordarsi che un giorno si chiederà, o verrà chiesta da altri: “dov’eri quando è successo tutto questo? Dove? Stavi ancora smaltendo la sbornia? È ora di finirla, perché si sta già facendo tardi. Molto tardi”.

Tardi rispetto al degrado morale a cui la “guerra giusta” ha portato Israele. È lo stesso Levy a darne conto: “Una notizia terribile: altri 27 prigionieri sono morti nei tunnel del male; alcuni a causa di malattie e ferite non curate, altri a causa delle percosse e delle orribili condizioni in cui sono stati tenuti.

Per mesi sono stati tenuti in gabbia, bendati e ammanettati, 24 ore al giorno. Alcuni sono anziani, molti sono lavoratori manuali. Uno di loro era paralizzato e, anche quando è iniziato il rantolo di morte, secondo i testimoni, non ha ricevuto alcuna assistenza medica. Ai rappresentanti del Comitato Internazionale della Croce Rossa non è stato permesso di visitarli nemmeno una volta e i loro rapitori non hanno reso noti i loro nomi per informare le famiglie.

Queste ultime non sanno nulla del loro destino; forse hanno perso la speranza. Il loro numero esatto è sconosciuto; i loro rapitori non forniscono alcuna informazione su di loro. Si stima che i detenuti siano tra i 1.000 e i 1.500, se non di più. Di questi, 27 sono morti e non saranno gli ultimi a morire nelle loro gabbie.

Nessuno manifesta per il loro rilascio; il mondo non mostra alcun interesse per loro. Sono detenuti in condizioni disumane e il loro destino è considerato irrilevante. Sono i prigionieri di Gaza detenuti da Israele dall’inizio della guerra.

Alcuni sono innocenti, altri sono brutali terroristi. Hagar Shezaf, che ha scoperto la morte di tanti detenuti, ha riferito che la maggior parte di loro è detenuta dall’esercito nella base militare di Sde Teiman, dove i soldati li picchiano e li maltrattano regolarmente. Centinaia di persone sono gazawi che lavoravano in Israele con un permesso e che sono state arrestate il 7 ottobre senza alcun motivo e da allora sono tenute in gabbia.

Lunedì 9 ottobre, due giorni dopo il massacro, ho visto una di queste persone nel cortile di un centro comunitario di Sderot che era stato trasformato in una postazione militare: un uomo molto anziano, seduto su uno sgabello nel cortile dove chiunque poteva vederlo per tutto il giorno, con le manette ai polsi e una benda sugli occhi.

Non dimenticherò mai quella vista. Era un operaio che è stato arrestato; forse è ancora legato o forse è morto. La notizia di questa morte, di questo massacro in prigione, non ha suscitato alcun interesse in Israele. Una volta, la terra tremava quando un detenuto moriva in carcere; ora ne sono morti 27 – la maggior parte, se non tutti, a causa di Israele – e non c’è nulla.

Ogni morte in carcere solleva il sospetto di un crimine, la morte di 27 detenuti solleva il sospetto di una politica deliberata. Nessuno, ovviamente, sarà perseguito per la loro morte. È dubbio che qualcuno indagherà sulle loro cause. Questo rapporto avrebbe dovuto destare preoccupazione anche in Israele per la sorte dei propri prigionieri.

Cosa penseranno e faranno i carcerieri di Hamas quando sentiranno come vengono trattati i loro compagni e compatrioti? Le famiglie degli ostaggi avrebbero dovuto essere le prime a gridare contro il trattamento riservato ai prigionieri palestinesi, almeno per la preoccupazione della sorte dei loro cari, se non per la consapevolezza che uno Stato che tratta i prigionieri in questo modo perde la base morale per chiedere che i propri prigionieri in mano al nemico siano trattati umanamente.

Gli israeliani avrebbero dovuto essere scioccati anche per altre ragioni. Non c’è democrazia quando decine di detenuti muoiono durante la detenzione. Non c’è democrazia quando lo Stato trattiene le persone per 75 giorni senza portarle davanti a un giudice e nega le cure mediche ai malati e ai feriti anche quando sono in fin di vita.

Solo i regimi più malvagi tengono le persone legate e bendate per mesi, e Israele sta iniziando ad assomigliare a questi regimi in modo preoccupante. Inoltre, non c’è nessuna democrazia che faccia tutto questo senza trasparenza, compreso il rilascio di informazioni sul numero, l’identità e le condizioni dei detenuti sotto la sua custodia.

Quanto è comodo essere scioccati dalla crudeltà di Hamas, presentare le sue azioni al mondo intero e chiamare il suo popolo “mostro”. Niente di tutto questo dà a Israele il diritto di agire in modo simile.

Quando qualche mese fa ho detto in un’intervista che il trattamento riservato da Israele ai prigionieri palestinesi non è migliore di quello riservato da Hamas ai nostri, e forse anche peggiore, sono stato denunciato e licenziato dal programma di attualità più illuminato della televisione israeliana. Dopo il reportage di Shezaf, il quadro è ancora più chiaro: siamo diventati come Hamas”.

16 Marzo 2024

Condividi l'articolo