Le parole del governatore

Per Bankitalia servono più migranti ma il governo li affoga

Panetta elenca fatti. Non ne trae le conseguenze politiche. Traduciamo noi il suo discorso in termini politici: è urgente una svolta e la sostituzione del governo di destra con un governo socialista.

Editoriali - di Piero Sansonetti - 1 Giugno 2024

CONDIVIDI

Per Bankitalia servono più migranti ma il governo li affoga

Nella sua relazione annuale sullo stato dell’economia, il governatore di Bankitalia Fabio Panetta ci ha fornito molte interessanti informazioni e valutazioni, tra le quali ne scelgo due.

La prima è che il calo demografico determinerà di qui al 2040 una crisi gravissima nella produzione. Il nostro Pil crollerà. Manca la forza lavoro. E per contrastare questa tendenza c’è un solo modo: aumentare il flusso dell’immigrazione dall’Africa, dall’Asia e dall’America latina.

Operazione abbastanza semplice, visto che la spinta all’emigrazione dai paesi più poveri verso l’Europa è una tendenza naturale della storia. Basta non contrastarla. E per non contrastarla sarebbe sufficiente rispettare le leggi anziché varare nuove leggi scombiccherate, fasciste e incostituzionali.

La seconda osservazione che ci ha fornito Panetta – e che in parte conoscevamo – è che la distanza tra i salari nei principali paesi europei e i salari italiani è abissale.

I salari medi in Europa sono circa del 15 per cento superiori ai salari italiani (parliamo di salario per ora lavorata), quelli di Francia e Germania sono superiori ai nostri del 25 per cento.

Nell’ultimo anno lo scarto tra i salari di Francia e Germania e i nostri è quasi raddoppiato, lo scarto tra il salario medio europeo e i nostri è più che triplicato.

Fabio Panetta non è un pericoloso estremista di sinistra. Non fa parte dei centri sociali, né delle Ong, e non è neppure un vescovo. Non è di centrosinistra, è stato scelto da Giorgia Meloni ed è stato persino candidato a fare il ministro dell’economia nel governo di centrodestra.

Ed è lui a dichiarare in modo molto semplice quali sono le due emergenze in Italia: il deficit di immigrazione (non l’eccesso: il deficit) e dunque la necessità almeno di raddoppiare gli arrivi ogni anno; e la modestia dei salari che devono mettersi in linea con la media europea e quindi ottenere un aumento più o meno del 20 per cento.

Diciamolo più semplicemente: accoglienza e salario minimo. Forse per il salario minimo non bastano i 9 euro: ce ne vorranno 10 o 11. Queste due cose sono urgentissime.

È curioso notare come le indicazioni di Panetta non è che non collimino coi programmi e gli slogan dei partiti di governo: ne sono l’esatto opposto.

La destra ha respinto il salario minimo, anche con un po’ di sdegno, e ha varato una serie di leggine e decreti che ostacolano i soccorsi in mare riducendo il numero degli arrivi attraverso il meccanismo più semplice: l’aumento dei morti affogati.

Panetta elenca fatti. Non ne trae le conseguenze politiche. Traduciamo noi il suo discorso in termini politici: è urgente una svolta e la sostituzione del governo di destra con un governo socialista.

1 Giugno 2024

Condividi l'articolo