L'accusa dell'ex presidente

L’accusa di Boldrini: “Governo a 360 gradi contro i diritti dei migranti”

L’Egitto “sicuro” e lo stop agli aerei, Boldrini: "La decisione di Enac pericolosa perché la sua applicazione può causare un ulteriore aumento di naufragi e di vittime in mare, e finalizzata a voler togliere di mezzo testimoni sgraditi che segnalano imbarcazioni a rischio”

Politica - di Redazione Web - 17 Maggio 2024

CONDIVIDI

L’accusa di Boldrini: “Governo a 360 gradi contro i diritti dei migranti”

“Il governo italiano sta operando a 360 gradi per minare l’incolumità dei migranti e i loro diritti”. È l’accusa di Laura Boldrini, deputata democratica e presidente del Comitato permanente della Camera sui diritti umani nel mondo.

Boldrini è firmataria dell’interrogazione parlamentare ai ministri Tajani e Salvini con cui i gruppi dem in Commissione Esteri e in Commissione Trasporti “chiedono conto dell’inserimento dell’Egitto tra i paesi sicuri e delle recenti ordinanze dell’Enac. Ordinanze che, di fatto, impediscono l’attività di monitoraggio che gli aerei delle Ong effettuano nel Mediterraneo Centrale”.

“Il governo è arrivato addirittura ad utilizzare di enti amministrativi per ostacolare e per punire chi contribuisce al salvataggio di migliaia di vite umane. È sbagliato – ha dichiarato Boldrini – pensare che lo Stato abbia una sorta di monopolio delle operazioni di ricerca e soccorso in mare mentre altri soggetti agiscono in modo abusivo ed illegale, svolgendo un’attività di ricerca e soccorso non autorizzata. Né le nostre leggi né le Convenzioni Internazionali sulla salvaguardia della vita in mare prevedono questa sorta di esclusiva né una qualche “specializzazione” o autorizzazione per l’avvistamento, la segnalazione e il soccorso di navi in pericolo. Anzi, come noto, viene costantemente affermato il dovere di segnalare e soccorrere una nave in pericolo da parte di chiunque se non si vuole incorrere nel reato di omissione di soccorso. La decisione di Enac, quindi, appare non solo infondata ma anche pericolosa perché la sua applicazione può causare un ulteriore aumento di naufragi e di vittime in mare, e sembra finalizzata a voler togliere di mezzo testimoni sgraditi che segnalano imbarcazioni a rischio”.

“Vorremmo poi sapere dal governo – ha concluso la deputata dem – su quale base abbia inserito l’Egitto tra i paesi di origine dei migranti ritenuti sicuri, nonostante, in quel paese, la situazione riguardo al rispetto dei diritti umani e delle libertà è sempre più deteriorata. Risulta infatti che siano circa 60 mila i detenuti in stato di detenzione arbitraria, unicamente per aver esercitato i loro diritti umani, civili e politici nel contesto di un’implacabile repressione del dissenso”.

17 Maggio 2024

Condividi l'articolo