La circolare "invisibile"

Migranti, nuova trappola per le navi delle Ong

Riguarda tutte le navi questa nuova circolare? Anche uno yacht? Anche una nave da crociera? “No, riguarda voi, le navi delle ong”. Queste sono le risposte date all’Unità dall’Ufficio delle dogane

Giustizia - di Angela Nocioni - 21 Maggio 2024

CONDIVIDI

Migranti, nuova trappola per le navi delle Ong

Esiste una nuova trappola in Italia per le navi delle Ong che soccorrono naufraghi nel Mediterraneo. L’ufficio delle dogane dice di aver ricevuto una circolare in proposito, ma non la mostra. Impedisce però nel frattempo al camion con il carburante per il rifornimento della nave Humanity1 della Ong tedesca Sos Humanity di entrare in porto. “Dobbiamo verificare qual è la reale attivitá svolta dalla nave prima di far entrare il camion con il carburante per farvi fare rifornimento. Ce lo chiede una circolare nuova di questi giorni che ancora dobbiamo capire come applicare”.

Riguarda tutte le navi questa nuova circolare? Anche uno yacht? Anche una nave da crociera? “No, riguarda voi, le navi delle ong”. Queste sono le risposte date all’Unità dall’Ufficio delle dogane alla richiesta di spiegazione del perché al camion con il carburante per il rifornimento della nave di soccorso Humanity1 non viene dato il permesso di entrare in porto. Parla genericamente della necessità del pagamento di una accise, di cui però non sa né spiegare l’origine, né stabilire l’ammontare.

Il dirigente dell’Ufficio delle dogane di Pisa, Simone Culla, da cui dipende quello di Marina di Carrara, non risponde al telefono. La prefettura di Carrara dice che nulla sa del perché la nave non può far rifornimento e che non ha intenzione di occuparsene.

Risultato: la nave invece di tornare velocemente al largo della Libia per soccorrere naufraghi è ferma in porto attendendo che le autorità locali capiscano se e come applicare questa fantomatica circolare di cui nessuno fornisce copia.

21 Maggio 2024

Condividi l'articolo