Il riconoscimento

Tommaso Menoncello: chi è l’italiano premiato come miglior giocatore del 6 Nazioni

Non solo un torneo straordinario, da record per la Nazionale (due vittorie e un pareggio) ma anche due 'onorificenze': prima di quella assegnata al tre quarti centro di Treviso, è arrivata quella per la miglior meta. È stata realizzata da Lorenzo Pani (che aveva sostituito Ange Capuozzo), nel trionfo contro il Galles a Cardiff. E il capitano L'amaro e nel 'dream team' del campionato

Sport - di Andrea Aversa - 5 Aprile 2024

CONDIVIDI

Tommaso Menoncello: chi è l’italiano premiato come miglior giocatore del 6 Nazioni

La ‘sbornia’ per un torneo delle 6 Nazioni da urlo può continuare. Dopo i successi conquistati sul campo, l’Italia ha portato a casa altre due vittorie altrettanto significative. Due atleti della Nazionale hanno ricevuto due premi: Tommaso Menoncello è stato nominato miglior giocatore del campionato e quella di Lorenzo Pani è stata la meta più bella della competizione. Il tre quarti centro che milita nel Treviso è stato un protagonista assoluto del 6 Nazioni: placcaggi a raffica, metri fatti con l’ovale tra le mani, recuperi e un’intesa perfetta con tutto il reparto, soprattutto con l’altro centro, il numero 13: Juan Ignacio Brex, anche lui tra i migliori rugbisti del torneo. Menoncello è il giocatore più giovane della storia del 6 Nazioni ad aver avuto tale riconoscimento. È il secondo italiano ad essere stato insignito con questo premio dopo Andrea Masi che lo ha ricevuto nel 2011.

Chi è Tommaso Menoncello

Nato proprio a Treviso 22 anni fa, Menoncello ha mosso i primi passi sul campo da rugby nella squadra di Paese (cittadina del Trevigiano). Poi l’arrivo in Accademia e il tesseramento con il Mogliano, prima di tornare a Treviso. Con il Leoni che militano nello United Rugby Championship (campionato di cui fanno parte club irlandesi, scozzesi, gallesi, sud africani e le italiane Treviso e Zebre), ha esordito – con meta – il il 20 novembre 2020 contro i Dragons. Dopo la convocazione nell’Under 20 dell’Italia, l’ex commissario tecnico Kieran Crowley lo ha fatto esordire in nazionale maggiore, proprio nel 6 Nazioni, edizione 2022, contro la Francia. Anche in questo caso Menoncello ha segnato una meta al debutto. Per infortunio ha saltato l’ultimo Mondiale disputato lo scorso anno proprio nel paese transalpino.

La miglior meta del 6 Nazioni è stata di Lorenzo Pani

Ma non solo il premio del miglior giocatore. Due giorni fa, l’Italia è stata premiata anche per aver realizzato la meta più bella. A ricevere più voti, quella segnata da Lorenzo Pani in trasferta a Cardiff contro il Galles. Per l’occasione, Pani ha giocato estremo al posto dell’infortunato Ange Capuozzo. L’azione è stata perfetta ed ha avuto inizio da touche, più o meno a metà campo. Palla lanciata in mezzo al corridoio dal tallonatore Nicotera, il saltatore – la seconda linea Ruzza – l’ha presa e lasciata immediatamente al capitano Lamaro (terza linea, numero 7 inserito nella squadra ideale dell’ultimo 6 Nazioni) che l’ha restituita a Nicotera. Il numero 2 azzurro ha passato l’ovale a Menoncello che l’ha subito ceduto al mediano di mischia Varney. Il numero 9 ha dato il via alla parte finale all’azione che ha visto coinvolti, nell’ordine: Brex, l’apertura (numero 10) Garbisi, l’ala (numero 11) Ioane e appunto Pani che ha corso fino a schiacciare la palla in meta. Nove giocatori, tre avanti (della mischia) e sei tre quarti che hanno toccato l’ovale, per 25 secondi di pura poesia.

Le parole di Pani

La meta segnata contro il Galles – ha detto Pani nelle sue dichiarazioni riportate sul sito internet della Federazione Italiana Rugby (Fir) – è frutto di un grande lavoro di squadra, così come altre marcature segnate dall’Italia nel Sei Nazioni. Mi sono trovato nel posto giusto al momento giusto raccogliendo l’assist da Ioane. Stiamo lavorando tanto per raggiungere risultati importanti e continueremo a farlo, insieme allo staff, con l’obiettivo di mostrare la miglior versione di noi stessi“.

La nota della Fir

Il trequarti azzurro – classe 2002 in forza al Benetton Rugby con 17 caps e 5 mete segnate con la maglia dell’Italia – ha ricevuto l’importante riconoscimento raccogliendo il 33% delle preferenze, su un totale di circa 146.000 voti dei fan a chiusura del sondaggio del Guinness Sei Nazioni, superando in classifica il centro irlandese Bundee Aki, l’inglese Ben Earl e lo scozzese Duhan Van der Merwe. Menoncello diventa così il secondo Azzurro a ricevere il premio di MVP del Torneo dopo Andrea Masi nel 2011, un traguardo che si aggiunge all’essere diventato il giocatore più giovane in assoluto a marcare una meta nella storia del ”Championship” in occasione di Francia-Italia nel 2022 e che rende il trequarti dei Leoni il più giovane MVP del 6 Nazioni.

Le dichiarazioni di Menoncello

Il numero 12 dell’Italia è stato inserito di conseguenza nel XV ideale del Guinness Sei Nazioni 2024 insieme al capitano dell’Italia, Michele Lamaro con la maglia numero sette di openside flanker. ‘Questo è un riconoscimento che condivido con tutta la squadra. Ogni singolo membro del team ha dato il meglio di se stesso per cercare di raggiungere gli obiettivi prefissati. Personalmente sono orgoglioso di ricevere questo premio. Dal mio infortunio nel Test Match pre Mondiale in Irlanda mi ero prefissato di provare a tornare più forte di prima. Il sostegno costante che ho ricevuto da staff e giocatori mi ha aiutato tanto per arrivare fino a qui. Nel torneo appena concluso abbiamo raggiunto risultati importanti che per noi non sono un punto di arrivo ma un importante base per lavorare verso il futuro’, ha dichiarato Tommaso Menoncello dopo aver ricevuto il premio“.

Tommaso Menoncello: il video con le sue parole e le migliori azioni

Il video della meta di Lorenzo Pani

5 Aprile 2024

Condividi l'articolo