I 'Verdi' del 6 Nazioni

Perché l’Irlanda è unita nel rugby al grido dell’inno ‘Ireland’s Call’

Campione in carica dello storico e prestigioso torneo europeo, e seconda nel ranking mondiale, la corazzata irlandese è 'speciale' per questa storia anch'essa colpita dal terrorismo: un buon esempio in tempi di divisioni, Brexit e di un'Europa che 'non s'ha da fare'

Sport - di Andrea Aversa - 23 Febbraio 2024

CONDIVIDI

Perché l’Irlanda è unita nel rugby

Un’unica squadra, un’unica federazione, un unico inno nazionale, due paesi. L’Irlanda, la cui unità è tornata in auge dopo la Brexit, è divisa tra la Repubblica d’Irlanda (l’Eire, cattolica) e l’Irlanda del Nord (unionista e protestante). Ma nel rugby c’è un’eccezione: il paese è unito. Perché l’Irlanda è unita nel rugby? Vi è un’unica federazione – l’Irish Rugby and Football Union – che mette insieme tutte le province irlandesi: Leinster, Connacht, Munster e, appunto, l’Ulster (nel Nord). Ci sono due inni nazionali, quello repubblicano (‘La Canzone del Soldato‘, Amhrán na bhFiann in gaelico) e quello della squadra, della Nazionale unita: l”Ireland’s Call‘. Entrambi sono cantati prima dell’inizio delle partite casalinghe, giocate nel ‘tempio’ dell’Aviva Stadium di Dublino. L”Ireland’s Call‘, invece, è l’unico inno nazionale cantato dai ‘Trifogli‘ fuori casa. In passato, quando la Nazionale giocava a Belfast, si cantava God Save the Queen.

Perché l’Irlanda è unita nel rugby

Ma prima degli inni nazionali c’è il classico cerimoniale con il Presidente della Repubblica Michael D. Higgins che saluta, stringendogli la mano, i giocatori in campo. I capitani di entrambe le squadre accompagnano il Presidente da ogni singolo rugbista e glielo presentano. Higgins, poeta prima che politico, è un grande appassionato e tifoso di sport. E la storia dell’Irlanda unita del rugby simboleggia proprio questo: lo sport oltre la politica, oltre le divisioni. Il tutto suggellato dal canto di ‘Ireland’s Call‘: i giocatori si stringono ancora più forte, qualcuno piange, lo stadio e i tifosi sono con loro. Tutti, cattolici e protestanti, repubblicani e unionisti. Tutti uniti. Tutti orgogliosamente irlandesi. L’inno dell’Irlanda unita è nato nel 1995, composto dal cantautore e musicista Phil Coulter ed esordì in occasione del Mondiale disputato in Sud Africa (quello memorabile durante il quale Nelson Mandela era Presidente).

Perché l’Irlanda è unita nel rugby: come nascono la Nazionale e il suo inno

Prima il paese celtico non aveva un inno che potesse unire tutte le anime del paese. E se in casa, giocando a Dublino – nonostante il malcontento di qualche giocatore proveniente dal Nord – si cantava ‘La canzone del Soldato‘, fuori casa capitava che i giocatori irlandesi non avessero un inno nazionale da cantare. Come se partissero sconfitti in partenza. Ma come è stata unita l’Irlanda del rugby? La Nazionale è nata dal sangue. Dalla morte causata dalla furia omicida del terrorismo targato Ira. Siamo nel 1987, i ‘Tutti Verdi‘ stavano preparando il mondiale da giocare in Nuova Zelanda. Il gruppo stava aspettando che venissero da Belfast i loro compagni David Irwin, Nigel Carr e Philip Rainey. Lo stesso giorno, viaggiavano in direzione opposta (da Dublino verso Nord), il giudice dell’Alta corte dell’Irlanda del Nord, Lord Justice Gibson e sua moglie, Lady Gibson.

Perché l’Irlanda è unita nel rugby: una storia macchiata dal terrorismo

Nei pressi del confine, al passaggio dei coniugi da un lato e dei giocatori dell’Ulster dall’altro, fu fatta esplodere un’auto che conteneva una bomba di 220 chili. La detonazione fu tremenda e uccise sul colpo giudice e consorte. I rugbisti rimasero illesi, tranne Carr che a causa delle ferite non poté più continuare la sua carriera sportiva. Fu questo terribile e violento episodio, che si aggiunse a tutti gli altri drammatici che hanno caratterizzato la tragica stagione dei troubles, a convincere la Federazione a fare un passo storico, andando oltre le divisioni politiche e religiose. Per lo stesso motivo è nata una specifica bandiera: lo Shamrock, ovvero il Trifoglio, simbolo dell’isola irlandese. Quest’ultimo è sempre utilizzato durante i match giocati fuori casa, mentre a Dublino è affiancato al classico tricolore d’Irlanda.

‘Ireland’s Call’: testo e significato dell’inno dell’Irlanda unita del rugby

Come the day and come the hour
Come the power and the glory
We have come to answer Our Country’s call
From the four proud provinces of Ireland

Chorus

Ireland, Ireland,
Together standing tall
Shoulder to shoulder We’ll answer Ireland’s call

From the mighty Glens of Antrim
From the rugged hills of Galway
From the walls of Limerick And Dublin Bay
From the four proud provinces of Ireland

Chorus

Hearts of steel And heads unbowing
Vowing never to be broken
We will fight, until We can fight no more
From the four proud provinces of Ireland

Chorus

La traduzione

Fianco a fianco
Siamo come fratelli
Uno per tutti e tutti insieme
Resteremo uniti nei giorni più bui
E saremo imbattibili per sempre

Chorus

Irlanda, Irlanda
Insieme in piedi in alto
Spalla a spalla
Risponderemo alla chiamata dell’Irlanda!

Vieni il giorno e vieni l’ora
Alcuni vivranno in canzoni e storie
Siamo nati per seguire la nostra stella polare
E battere il nostro destino con la gloria

Chorus

Irlanda, Irlanda
Insieme in piedi in alto
Spalla a spalla
Risponderemo alla chiamata dell’Irlanda!

Cuori d’acciaio e teste si inchinano
Promettere di non essere mai infranto
Combatteremo, finché non potremo più combattere
Finché non verrà pronunciato il nostro requiem finale

Chorus

Irlanda, Irlanda
Insieme in piedi in alto
Spalla a spalla
Risponderemo alla chiamata dell’Irlanda!

Chorus

Irlanda, Irlanda
Insieme in piedi in alto
Spalla a spalla
Risponderemo alla chiamata dell’Irlanda!
Risponderemo alla chiamata dell’Irlanda!

23 Febbraio 2024

Condividi l'articolo