Nel Baden-Württemberg

Strage familiare in Germania: uccisi a coltellate genitori e fratello, arrestato 19enne italo-tedesco

Ferita gravemente la sorella. Il giovane si è lasciato arrestare senza opporre resistenza. La famiglia era originaria della provincia di Cagliari

Cronaca - di Redazione Web - 28 Marzo 2024

CONDIVIDI

FOTO DI REPERTORIO Investigators and forensic experts stand outside a Jehovah’s Witness building in Hamburg, Germany Friday, March 10, 2023. Shots were fired inside the building used by Jehovah’s Witnesses in the northern German city of Hamburg on Thursday evening, with multiple people killed and wounded, police said. (Jonas Walzberg/dpa via AP) Associated Press/LaPresse Only Italy and Spain
FOTO DI REPERTORIO Investigators and forensic experts stand outside a Jehovah’s Witness building in Hamburg, Germany Friday, March 10, 2023. Shots were fired inside the building used by Jehovah’s Witnesses in the northern German city of Hamburg on Thursday evening, with multiple people killed and wounded, police said. (Jonas Walzberg/dpa via AP) Associated Press/LaPresse Only Italy and Spain

A Hohentengen, piccolo centro nello Stato federale del Baden-Württemberg, nel sud-ovest della Germania, un 19enne con doppia cittadinanza italiana e tedesca è stato arrestato con l’accusa di aver ucciso a coltellate i genitori e il fratello. Una presunta strage familiare dalla quale si è salvata la sorella, ferita gravemente. La notizia è stata riportata dall’agenzia di stampa tedesca Dpa che cita polizia e procura. Il sospettato è stato posto sotto custodia cautelare, il portavoce della Procura di Waldshut-Tiengen Rahel Diers ha dichiarato che il giovane “si è lasciato arrestare senza opporre resistenza”.

Il delitto si sarebbe consumato nella serata di ieri, intorno alle 21:00. Si legge sul sito dell’Unione Sarda che i genitori del 19enne erano originari di Silius e Ballao, in provincia di Cagliari. Avevano 58 e 61 anni, si chiamavano Ermio Congiu e Annalisa Prasciolu. Sono stati ritrovati nell’appartamento in un condominio dove vivevano. “Il fratello 34enne è morto in ospedale a causa delle ferite riportate nonostante le misure di rianimazione”, hanno riferito la polizia e la Procura. La sorella del 19enne non è in pericolo di vita: è stata trasportata in ispedale in elicottero, ha riportato nell’aggressione gravi ferite da taglio e “da impatto”.

La strage familiare a Hohentengen

L’arma usata era un coltello, come ha specificato un portavoce della polizia. Ancora da definire il movente del delitto. “Chi conosce la famiglia – si legge sul sito de L’Unione – ha però parlato di numerosi litigi dei genitori con il figlio, proprio di recente, forse riconducibili a questioni di droga”. Il giudice istruttore ha già emesso l’ordine di arresto con l’accusa di triplice omicidio e di tentato omicidio doloso. Le tracce di sangue sarebbero rimaste visibili ancora oggi sul marciapiede davanti alla porta d’ingresso.

Hohentengen si trova nel distretto di Waldshut e ci vivono circa 4.000 persone. Il Baden-Wuerttemberg è la regione tedesca con capoluogo Stoccarda, storica meta dell’emigrazione italiana. In tantissimi vi erano arrivati nel corso del Novecento per lavorare nelle fabbriche di alluminio della zona. La coppia sarda, si legge sul sito de L’Unione, era partita per la Germania 37 anni fa.

28 Marzo 2024

Condividi l'articolo