I miliziani sciiti

Ribelli Houthi dello Yemen: contro la guerra di Israele a Gaza, ma giustiziano la loro gente

Mentre i riflettori sono puntati sui loro attacchi nel Mar Rosso, e le minacce alla libera circolazione delle merci, il mondo intero appare indifferente ai loro abusi in patria

Esteri - di Sergio D'Elia - 25 Febbraio 2024

CONDIVIDI

Ribelli Houthi dello Yemen: contro la guerra di Israele a Gaza, ma giustiziano la loro gente

Nella miriade di milizie militari e paramilitari che agitano il Medio Oriente, gli Houthi sono davvero un soggetto particolare. Si chiamano così per via del loro fondatore, Hussein Badreddin al-Houthi. Lo stesso nome di famiglia porta il capo attuale, Abdul Malik Al-Houthi. Sui legami di sangue si è costituito un clan, sullo spargimento di sangue il clan si è fatto Stato.

Uno stato inufficiale, che si regge non sul diritto internazionale e le regole delle Nazioni Unite ma sulla fede islamica di stampo sciita e le direttive dei mullah iraniani, dai quali prendono esempio in tutto e per tutto. Il loro statuto fondamentale non è la Carta delle Nazioni Unite, ma la legge della Sharia che è ad un tempo costituzione, legge morale e codice penale.

Il loro programma minimo è racchiuso nel grido di battaglia che i miliziani Houthi ripetono ossessivamente: Dio è grande! Morte all’America! Morte a Israele! Siano maledetti gli ebrei! Vittoria per l’Islam! I Partigiani di Dio sono scesi dalle montagne del nord dello Yemen negli anni ‘90, insorgendo per il presunto abbandono della loro regione, ma con l’obiettivo non di liberare il paese dall’oppressore sunnita filo saudita ma di promuovere una teocrazia sciita.

La loro guerra “civile” ha concorso in otto anni al risultato di decine di migliaia di morti e milioni di persone sull’orlo della carestia. Mentre gli occhi e non solo, del mondo libero e non solo, sono puntati sui loro attacchi nel Mar Rosso, le minacce ricorrenti alla libera circolazione delle merci e addirittura alla pace e alla sicurezza mondiali, il mondo intero appare del tutto indifferente ai loro abusi in patria, agli attacchi sistematici alla libertà di pensiero, alle intimidazioni nei confronti di chi mina l’ordine politico e morale interno.

Si preoccupano dei diritti umani a Gaza, gli Houthi, e sostengono di difendere i palestinesi, ma non hanno problemi a flagellare e lapidare a morte gli yemeniti sulla base del loro orientamento sessuale o dell’identità di genere, reali o presunti che siano.

Nelle ultime settimane due tribunali gestiti dagli Houthi hanno condannato più di 45 persone a morte, alla fustigazione o al carcere per accuse relative a comportamenti omosessuali, ha riportato anche Amnesty International.

Il 23 gennaio scorso, un tribunale penale di Dhamar, nel nord dello Yemen, ha condannato nove persone – di cui sette alla lapidazione e due alla crocifissione – mentre altre 23 persone sono state condannate a pene detentive variabili da sei mesi a dieci anni con accuse tra cui “omosessualità”, “diffusione dell’immoralità” e “atti immorali”.

Tre video apparsi per la prima volta sui social media il 24 e 25 gennaio mostravano almeno due persone frustate in pubblico da un uomo della sicurezza in uniforme. Si ritiene che i video siano stati girati davanti alle case degli uomini e alla presenza di funzionari Houthi.

Il 1° febbraio, un tribunale di Ibb, nel sud dello Yemen, ha emesso condanne a morte contro 13 studenti e condanne alla fustigazione nei confronti di altri tre con l’accusa di “diffusione dell’omosessualità”.

Gli Houthi non si sono fatti scrupolo a mettere in giro nuovamente dei video che mostravano un giudice in un tribunale che leggeva le condanne a morte. Altri 35 “omosessuali” erano già detenuti dagli Houthi nella provincia di Ibb.

Le condanne a morte non vengono sempre eseguite dagli Houthi. Comunque, secondo un recente rapporto dell’Euro-Mediterranean Human Rights Monitor, gli Houthi hanno condannato a morte 350 persone da quando hanno preso la capitale nel 2014 e ne hanno giustiziate 11. Gli Houthi hanno iniziato a colpire le navi del Mar Rosso dichiaratamente in segno di protesta contro la guerra tra Israele e Hamas.

Al di là di pochi danni materiali, gli attacchi non hanno provocato vittime tra i loro nemici giurati, Israele, gli Stati Uniti d’America e il Regno Unito. In compenso, è aumentata la persecuzione delle persone LGBTQ+ con pene di morte, torture, arresti arbitrari, minacce e molestie di ogni tipo.

Si conferma una regola di comportamento comune a tutti i regimi illiberali. Prima e oltre che una minaccia potenziale alla pace e alla sicurezza mondiale, i regimi costituiscono un pericolo attuale e incombente sui propri stessi cittadini. La guerra da loro mossa nei confronti di altri popoli non è altro che la proiezione esterna della guerra quotidiana che essi conducono all’interno, contro il loro stesso popolo.

25 Febbraio 2024

Condividi l'articolo