Bara bianca e commozione

Giulia Cecchettin, i funerali a Padova: “Addio Giulia, grazie per questi 22 anni insieme, pace del cuore anche per Filippo”

La cerimonia a Santa Giustina, ottomila persone sul sagrato. Il feretro sarà trasferito a Saonara, la 22enne sarà sepolta vicino alla madre. L'omelia del vescovo Cipolla, l'omaggio di Mattarella

Cronaca - di Redazione Web - 5 Dicembre 2023

CONDIVIDI

Foto Lucrezia Granzetti – LaPresse cronaca 5-12-2023 Padova – Italia , funerali di Giulia a Padova, nella basilica di Santa Giustina in Prato della Valle Nella Foto un momento del funerale – uscita del feretro Photo Lucrezia Granzetti – LaPresse news 5-12-2023 Padua – Italy, Giulia’s funeral in Padua, at the church of Santa Giustina In the photo a moment of the funeral
Foto Lucrezia Granzetti – LaPresse cronaca 5-12-2023 Padova – Italia , funerali di Giulia a Padova, nella basilica di Santa Giustina in Prato della Valle Nella Foto un momento del funerale – uscita del feretro Photo Lucrezia Granzetti – LaPresse news 5-12-2023 Padua – Italy, Giulia’s funeral in Padua, at the church of Santa Giustina In the photo a moment of the funeral

Fiori, striscioni, cartelli, tantissime persone, tantissimi ragazzi e un maxischermo. Alle 11:00 in Prato della Valle a Padova i funerali di Giulia Cecchettin, la 22enne originaria del veneziano sparita nel nulla per una settimana e ritrovata nei pressi del lago di Barcis, in provincia di Pordenone, uccisa a coltellate e scaraventata in un vallone. Accusato del femminicidio l’ex fidanzato coetaneo reoconfesso Filippo Turetta, arrestato in Germania qualche ora dopo il ritrovamento del cadavere. Un femminicidio che ha sconvolto tutta Italia. “. Chiediamo la pace del cuore anche per Filippo e la sua famiglia”, ha detto nell’omelia il vescovo di Padova Claudio Cipolla.

Una bara bianca, coperta di rose bianche nella Basilica di Santa Giustina. A seguire il feretro Gino Cecchettin, padre della 22enne, i figli Elena e Davide, la nonna e gli zii di Giulia. Nella chiesa le corone funebri del presidente della Repubblica, della presidente del Consiglio dei Ministri e dei presidenti di Camera e Senato. Presenti il governatore del Veneto Luca Zaia, il sindaco di Padova Sergio Giordani, il ministro della Giustizia Carlo Nordio, gli onorevoli Alessandro Zan e Laura Boldrini. Presente anche Vincenzo Gualzetti, la cui figlia Chiara è stata uccisa tre anni fa da un coetaneo. A leggere la prima lettura durante il funerale, un passo dal libro del profeta Isaia, Giulia Zecchin, la 22enne migliore amica di Giulia Cecchettin. “Un germoglio spunterà dal tronco di Iesse, un virgulto germoglierà dalle sue radici. Su di lui si poserà lo spirito del Signore”. Prima della funzione distribuita una foto della giovane.

L’omelia del Vescovo di Padova

“La conclusione di questa storia lascia in noi amarezza, tristezza, a tratti anche rabbia ma quanto abbiamo vissuto ha reso evidente anche il desiderio di trasformare il dolore in impegno per l’edificazione di una società e un mondo migliori, che abbiano al centro il rispetto della persona (donna o uomo che sia) e la salvaguardia dei diritti fondamentali di ciascuno, specie quello alla libera e responsabile definizione del proprio progetto di vita”, ha detto dall’altare nell’omelia Monsignor Cipolla. “Questo impegno è indispensabile non solo per garantire qualità di vita al singolo individuo ma anche per realizzare quei contesti sociali e quelle reti in cui le persone siano valorizzate in quanto soggetti in grado di dare un contributo originale e creativo”.

“Insegnaci, Signore, la pace tra generi, tra maschio e femmina, tra uomo e donna. Vogliamo imparare l’amore e vivere nel rispetto reciproco, cercando anzi il bene dell’altro nel dono di noi stessi. Non possiamo più consentire atti di sopraffazione e di abuso. Per questo abbiamo bisogno di concorrere per riuscire a trasformare quella cultura che li rende possibili. Ti domandiamo, o Signore, la pace nel rapporto tra generazioni, tra giovani, adulti e anziani così che il coraggio e le aspirazioni possano coniugarsi con la sapienza e la profondità di chi conosce la storia e ne interpreta le direttrici. Così che non torni ad essere accolto tra le possibilità a nostra disposizione ciò che già ha prodotto il male. Donaci, Signore, anche la pace del cuore, del mio cuore e del cuore di tutti i presenti. Chiediamo la pace del cuore anche per Filippo e la sua famiglia. Il nostro cuore cerca tenerezza, comprensione, affetto, amore. La pace del cuore è pace con il proprio corpo, con la propria psiche, con i propri sentimenti soprattutto quelli che riguardano il senso delle azioni che compiamo e il senso della vita. Il nostro cuore è il luogo dove il Vangelo e la Pasqua di Gesù di Nazareth”.

Il discorso di Gino Cecchettin

Alla fine della funzione il discorso di Gino Cecchettin, in cui il padre della vittima ha ricordato la figlia, ha toccato i temi che hanno caratterizzato le ultime settimane di cordoglio e dibattito. Patriarcato, violenza sulle donne, scuola e famiglia. Per le loro posizioni i familiari della 22enne sono stati anche attaccati strumentalmente. “Dobbiamo trasformare la tragedia in una spinta per il cambiamento. La vita di Giulia è stata sottratta in maniera crudele, ma la sua morte può e deve essere il punto di svolta per mettere fine alla terribile piaga della violenza sulle donne”, ha detto il padre della vittima.

“Cara Giulia, grazie per questi 22 anni vissuti insieme e per l’immensa tenerezza che ci hai donato. Anche io ti amo tanto, e anche Elena e Davide ti adorano. Io non so pregare, ma so sperare: voglio sperare insieme a te, Elena, la mamma, insieme a tutti i presenti, che tutta questa pioggia di dolore fecondi il terreno delle nostre vite e voglio sperare che un giorno possa germogliare, che produca il suo frutto di amore, perdono e di pace. Addio Giulia amore mio”.

L’ultimo saluto a Saonara

Almeno ottomila persone sul sagrato a Padova, la chiesa riempita in ogni ordine di posti. Il feretro di Giulia Cecchettin, dopo la funzione a Padova, sarà trasportato a Saonara dove si terrà un ultimo saluto, una preghiera più raccolta, e dove il corpo della ragazza sarà sepolto accanto a quello della madre, morta l’anno scorso a causa di una grave malattia. Dichiarata la giornata di lutto per tutta la Regione Veneto. “Il valore e il rispetto della vita vanno riaffermati con determinazione in ogni ambito, circostanza e dimensione, in questo momento in cui sono in corso i funerali di Giulia Cecchettin”, ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, alla cerimonia delle Stelle al merito del lavoro al Quirinale.

5 Dicembre 2023

Condividi l'articolo