Lo sciame sismico

Forte scossa di terremoto tra Toscana e Romagna: gente in strada per la paura e scuole chiuse

La scossa più forte di magnitudo 4.8. Zona ad "alta pericolosità sismica". Scossa avvertita in tutta l'area dell'Appennino, ritardi e disagi sulle linee ferroviarie. Le verifiche sui possibili danni

Cronaca - di Redazione Web - 18 Settembre 2023 alle 08:40 AGGIORNATO IL 18 Settembre 2023 alle 09:03

Forte scossa di terremoto tra Toscana e Romagna: gente in strada per la paura e scuole chiuse

Forte scossa di terremoto registrata questa mattina tra Toscana ed Emilia Romagna. Alle 5:10 la terra ha tremato, scossa di magnitudo di 4.8 e profondità di otto chilometri, con epicentro nel comune di Marradi, a tre chilometri a sud ovest del comune in provincia di Firenze. Gente scesa in strada per lo spavento, paura anche nella vicina Romagna. Rassicurazioni da parte della Protezione Civile. “Non risultano situazioni di particolare criticità a seguito del terremoto con epicentro a Marradi – ha scritto su Facebook il Presidente della Regione Toscana Eugenio Giani – Continueranno i controlli agli edifici e strutture”. Almeno 25 le scosse di assestamento, la più forte di magnitudo 2.8, con ipocentro a sette chilometri di profondità, a quattro chilometri a ovest di Tredozio, in provincia di Forlì-Cesena.

La scossa è stata avvertita in tutta l’area dell’Appennino tosco-emiliano e anche in un’area compresa tra Perugia e Trento. Una trentina di minuti prima della scossa più forte, l’Ingv ha registrato un’altra scossa di 3.3. Le scosse successive di assestamento avevano una potenza compresa tra 2.8 e 1.1. Ritardi e cancellazioni sulla rete ferroviaria per le verifiche di stabilità. Deviati i treni ad Alta Velocità tra Bologna e Firenze, circolazione regolare a Faenza. Attivo il servizio sostitutivo tra Borgo San Lorenzo e Firenze. Interrotta la linea Pontassieve-Borgo S. Lorenzo da Pontassieve. Interrotta la Firenze-Faenza fino a Vaglia.

A Borgo San Lorenzo, dal nido alle superiori, tutte le scuole di ogni ordine e grado sono state chiuse. Stessa decisione in altri comuni del Mugello. Scuole aperta a Forlì, Ravenna e Faenza dove nel pomeriggio è attesa la visita del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per l’inaugurazione dell’anno scolastico. Tantissime le chiamate ai vigili del fuoco di gente spaventata che ha segnalato crepe alle abitazioni. “Le scosse di terremoto hanno spaventato la popolazione di Marradi che è scesa per strada. È stato attivato il Centro operativo comunale. La Sala di Protezione civile della Città Metropolitana di Firenze, che sta monitorando la situazione, non ha ricevuto al momento segnalazioni di danni a cose e persone”. La zona interessata dal terremoto a Marradi “è caratterizzata da alta pericolosità sismica”.

 

18 Settembre 2023

Condividi l'articolo