Aperta inchiesta

Francia, a Marsiglia 27enne muore durante i disordini: colpito da proiettile ‘flash ball’ della polizia

Esteri - di Carmine Di Niro - 5 Luglio 2023 alle 08:30

Condividi l'articolo

Francia, a Marsiglia 27enne muore durante i disordini: colpito da proiettile ‘flash ball’ della polizia

Il rischio ora è quello di gettare ulteriore benzina sul fuoco di una Francia ancora sconvolta dalla morte per mano della polizia del 17enne Nahel, a Nanterre, ucciso durante un controllo stradale la mattina di martedì 27 giugno.

La Procura di Marsiglia ha comunicato di aver aperto una indagine per la morte di un 27enne avvenuta notte tra sabato e domenica nella città del sud del Paese: inchiesta nata perché, è il sospetto, la vittima sarebbe stata uccisa da un proiettile di gomma, del tipo “flash ball”, esploso dalle forze dell’ordine.

Anche se non è chiaro se la vittima stesse prendendo parte alle dimostrazioni per l’uccisione di Nahel, è certo comunque che sia stata ferita in un luogo dove erano in corso violenti tafferugli. Gli elementi dell’indagine consentono di ritenere “probabile una morte causata da un violento trauma al torace provocato dallo sparo di un proiettile del tipo “flash-ball””, precisa la Procura. L’impatto col proiettile di gomma ha causato al 27enne un arresto cardiaco “e quindi la morte in un intervallo breve“, ha aggiunto la Procura, precisando di aver aperto “un’inchiesta per ferite mortali provocate da uso o minaccia di un’arma”. Secondo alcuni testimoni, quando è stato colpito dal proiettile anti-sommossa, la vittima si trovava a bordo di uno scooter.

Marsiglia, seconda città della Francia, è stata teatro di gravi scontri fra polizia e gruppi di giovani manifestanti, oltre che di saccheggi, durante il fine settimana. Uno schieramento di polizia molto imponente è stato deciso nella notte fra sabato e domenica dopo che nella precedente si erano verificati scontri molto violenti.

Quello di Marsiglia è il secondo caso di questo tipo. Stessa dinamica ha avuto luogo a Mont-Saint-Martin, vicino ai confini col Belgio Belgio, dove un ragazzo di 25 anni, Aimène Bahouh, da venerdì 30 giugno è in coma per esser stato centrato da un “flash ball” sparato dalla polizia.

Il giovane si trovava alla guida di un’auto assieme a due amici e, dopo essere uscito da una stazione di servizio, è stato colpito da un proiettile lanciato da un agente del reparto speciale della polizia Raid. Gli amici raccontano che si è accasciato sul volante all’improvviso, pieno di sangue. Anche in questo caso la procura ha aperto un’inchiesta per “violenza volontaria”.

5 Luglio 2023

Condividi l'articolo