A Interlagos

Incidente in moto , il pilota “enfant prodige” Lorenzo Somaschini morto a 9 anni: si ispirava a Valentino Rossi e Pecco Bagnaia

L'incidente in pista a San Paolo, in Brasile. È caduto all’uscita della storica curva Pinheirinho. Era considerato l’enfant prodige del motociclismo argentino. Sognava di gareggiare in Moto Gp e di vincerla

Cronaca - di Redazione Web - 18 Giugno 2024

CONDIVIDI

FOTO DA INSTAGRAM
FOTO DA INSTAGRAM

Lutto terribile nel mondo dei motori. Lorenzo Somaschini, bambino di appena nove anni, è morto a causa delle conseguenze di un incidente sul circuito di Interlagos, a San Paolo, in Brasile. Dopo giorni in terapia intensiva il piccolo pilota è finito in terapia intensiva all’Ospedale Albert Einstein di San Paolo dove è morto la scorsa notte. A dare la notizia gli organizzatori della corsa. Somaschini era argentino, avrebbe compiuto dieci anni tra meno di un mese.

L’incidente è avvenuto il 14 giugno scorso, durante le prove libere della Junior Cup, categoria che fa parte del Superbike Brasil. Somaschini è caduto all’uscita della storica curva Pinheirinho. Era considerato l’enfant prodige del motociclismo argentino. “Chi lo allena non riesce a smettere di guardare stupito i cronometri. Ha una tecnica che ha l’aspetto di chi può fare la storia”, si leggeva un articolo del quotidiano La Capital.

Alla stessa intervista diceva di ispirarsi agli italiani Valentino Rossi e Pecco Bagnaia. Era di Rosario, il prossimo 17 luglio avrebbe compiuto 10 anni. Il suo sogno era arrivare a gareggiare in MotoGP e diventare campione del mondo. Aveva debuttato ad aprile in Superbike Junior in sella a una Honda CB250 Twister. Era in Brasile per partecipare alla quarta tappa della Honda Junior 160 Cup presso l’Autodromo di Interlagos della città di San Pablo.

Somaschini ha battuto violentemente la testa nell’incidente. È stato subito soccorso, i medici lo hanno stabilizzato, ma le sue condizioni sono apparse da subito molto gravi. “Con il cuore spezzato e l’anima buttata via devo dirti addio. Mi mancherai molto Lolito. Grazie per avermi permesso di far parte della tua vita”. Sogna. Riposa in pace, campione”, le parole dell’istruttore, Diego Pierluigi.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da SuperBike Brasil (@superbikebrasil)

18 Giugno 2024

Condividi l'articolo