Il voto live

Elezioni europee, affluenza definitiva sotto il 50%: urne disertate dagli italiani

Politica - di Redazione - 9 Giugno 2024

CONDIVIDI

I vari leader al voto: da sinistra a destra Giorgia Meloni, Matteo Salvini, Carlo Calenda, Giuseppe Conte e Elly Schlein
I vari leader al voto: da sinistra a destra Giorgia Meloni, Matteo Salvini, Carlo Calenda, Giuseppe Conte e Elly Schlein

Ci siamo. Dopo mesi di campagna elettorale, gli italiani sono chiamati al voto per eleggere i 76 membri ‘nostrani’ del Parlamento europeo.

Seggi aperti dalle 15 di sabato 8 giugno alle 23, quindi domenica dalle 7 alle 23. Un weekend di election days: si andrà al voto anche per le amministrative in 3.698 Comuni e per rinnovare il presidente ed il Consiglio regionale del Piemonte. Lo spoglio inizia subito dopo la chiusura delle urne.

Sono oltre 51 milioni gli italiani chiamati alle urne per la scadenza europea, oltre 17 milioni per le amministrative e 3,6 per il voto in Piemonte.

Cinque anni fa l’affluenza era stata del 54,50 per cento, in calo rispetto al 2014 (57,22%). Le previsioni della vigilia, secondo molti sondaggisti, vedono il rischio per questa tornata di scendere sotto la soglia del 50%.

Il dato dell’affluenza

Alle 23 di sabato sera, chiusura del primo giorno elettorale, l’affluenza ai seggi è stata del 14,64 per cento. Il confronto più corretto per guarda ad un confronto con le precedenti consultazioni europee è quello col 2009, quando si votò anche di sabato: l’affluenza alla chiusura dei seggi il sabato sera fu del 17,8 per cento, quella finale fu 66,5%, quindi oltre 10 punti più alta rispetto al 2019.

Alle 12 di domenica 9 giugno l’affluenza è salita al 25,14%. Come già spiegato, si tratta di dati difficilmente paragonabili alle rilevazioni delle Europee del 2019, che si svolsero in un unico giorno, domenica 26 maggio.

Alle 19 di domenica l’affluenza è del 40,86 per cento: alle elezioni europee del 2019, l’affluenza alla stessa ora dello stesso giorno era stata del 43,8 per cento.

Alle 23 di domenica, a urne chiuse, l’affluenza è del 49,63 per cento.

Come si vota alle Europee

Il nostro Paese permette il voto di preferenza, che dà agli elettori la possibilità di indicare, nell’ambito della medesima lista, da una a tre preferenze, votando, nel caso di due o di tre preferenze, candidati di sesso diverso. L’elettore può ovviamente decidere di limitarsi a votare il partito, barrandone il simbolo.

Gli elettori avranno a disposizione una scheda che sarà di colore diverso a seconda della circoscrizione di appartenenza: grigio, per la circoscrizione elettorale I – Italia nord-occidentale (Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria, Lombardia); marrone, per la circoscrizione elettorale II – Italia nord-orientale (Veneto, Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia, Emilia Romagna); rosso rubino, per la circoscrizione elettorale III – Italia centrale (Toscana, Umbria, Marche, Lazio); arancione, per la circoscrizione elettorale IV – Italia meridionale (Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria); rosa, per la circoscrizione elettorale V – Italia insulare (Sicilia, Sardegna).

Determinato il numero dei seggi spettanti alla lista in ciascuna circoscrizione, sono proclamati eletti i candidati con il maggior numero di voti di preferenza. Ai fini dell’elezione dei membri italiani al Parlamento europeo, le liste devono avere conseguito almeno il 4% dei voti validi espressi a livello nazionale.

Quando si saprà il vincitore

Il nostro sarà l’ultimo Paese a chiudere i seggi, alle 23 di domenica. Risultati ufficiali dunque non saranno noti prima delle 23:15: nessun Paese, anche quelli in cui le urne si sono già chiuse, potrà pubblicarli prima di allora.

Già nel pomeriggio di domenica 9 giugno verranno invece diffuse le stime pubblicate dal Parlamento europeo sulla base di sondaggi ed exit poll, che conterranno maggiori informazioni man mano che i collegi elettorali chiuderanno in ogni Stato membro.

Sarà un processo in tre step: la prima serie di stime sarà nota intorno alle 18:15, col Parlamento Ue che farà una prima proiezione della composizione del Parlamento europeo due ore dopo. La seconda proiezione ci sarà intorno alle 23:15 e comprenderà anche dati ufficiali: non quelli italiani però, dato che le urne chiuderanno poco prima. Terza e ultima proiezione europea della sera verrà pubblicata intorno all’una di notte di lunedì 10 giugno.

di: Redazione - 9 Giugno 2024

Condividi l'articolo