Il caso

E in Cassazione trova per giudice il Pm che lo ha processato…

Gabriele Elia è stato condannato in primo e secondo grado a 6 anni perché quando faceva l’assessore fece passare una delibera, che ovviamente fu vagliata e votata dal consiglio comunale. Lui giura di essere innocente e vorrebbe un giudice indipendente. Non lo avrà.

Giustizia - di Redazione Web - 14 Maggio 2024

CONDIVIDI

E in Cassazione trova per giudice il Pm che lo ha processato…

Domani la sesta sezione della Cassazione deciderà se mandarlo in prigione o no. Normale, no? Già. Bisogna capire se è normale che di questa sesta sezione faccia parte un giudice che qualche anno fa faceva il Pm e che da Pm lo indagò, lo mandò a processo e chiese e ottenne la sua condanna. Sì, è normale, nel senso che la legge lo consente (la Costituzione no).

Non c’è separazione delle carriere e io oggi posso fare l’accusa, contro di te, e domani posso essere giudice, collega e amico di quelli che ti giudicheranno e sanno che sono stato io a perseguirti. Oseranno smentirmi? Improbabile. Ha qualcosa a che fare tutto ciò con uno straccio di stato di diritto? No, ma l’Anm non permetterà mai che le carriere siano separate.

Questa non è una storia inventata. Lui, la vittima, si chiama Gabriele Elia, ha 40 anni, è stato condannato in primo e secondo grado a 6 anni perché quando faceva l’assessore fece passare una delibera, che ovviamente fu vagliata e votata dal consiglio comunale. Gli contestano una tangente di circa 2000 euro. Lui giura di essere innocente e vorrebbe un giudice indipendente. Non lo avrà. Rischia di rivedere suo figlio, che ha 5 anni, quando ne avrà 10. Che vergogna.

14 Maggio 2024

Condividi l'articolo