Il viceispettore ferito

Christian Di Martino, chi è il poliziotto accoltellato a Lambrate: “Ha provato a proteggere l’aggressore dal treno”

In condizioni stabili ma gravi il 35enne intervenuto contro l'uomo che lanciava sassi sui passanti. Cinque arresti cardiaci e settanta trasfusioni durante le operazioni. L'aggressore era in Italia senza permesso di soggiorno

Cronaca - di Redazione Web - 10 Maggio 2024

CONDIVIDI

FOTO DA FB + LAPRESSE
FOTO DA FB + LAPRESSE

Christian Di Martino è in condizioni stabili ma è grave. Ha subito cinque arresti cardiaci, è stato operato d’urgenza all’ospedale Niguarda dov’è stato trasportato nella notte tra mercoledì e giovedì dopo esser stato raggiunto da tre coltellate alla stazione di Lambrate, quartiere nell’area orientale di Milano. Ad accoltellarlo il 37enne Hasan Hamis, arrestato e trasferito nel carcere di San Vittore. Sul posto sono intervenute le volanti della Polizia, la Polfer, i sanitari del 118 con due ambulanze e un’automedica, la Polizia Scientifica per i rilievi del caso.

Di Martino è originario di Ischia, ha 35 anni. Figlio di un ex ispettore di polizia in pensione, lo scorso dicembre è diventato viceispettore. A Milano aveva già lavorato a Sesto San Giovanni e a Monforte-Vittoria prima di passare all’ufficio Volanti. È stato ferito con una lama lunga circa venti centimetri nascosta sotto la manica del giubbotto. Una delle operazioni cui è stato sottoposto è durata quattro ore, con le altre in tutto sette o

re. Cinque arresti cardiaci, settanta trasfusioni. Al momento l’agente si trova in terapia intensiva.

Cos’è successo a Lambrate

Secondo quanto ricostruito l’aggressore dell’agente lanciava sassi dal binario 12 della stazione di Lambrate, uno dei quali aveva colpito in testa una 55enne italiana. Gli agenti a bordo della volante arrivati sul posto sono intervenuti con il taser, tra questi proprio Di Martino che nel tentativo di bloccare l’uomo che si era avviato sui binari è stato ferito da tre fendenti, dei quali due profondi che hanno raggiunto il rene e il duodeno. Altri due agenti della Polfer sono rimasti lievemente feriti nell’aggressione.

Chi è Hasan Hamis

Risulta che Hamis, di origini marocchine, si trova in Italia senza permesso di soggiorno. Si trovava “in evidente stato psichico alterato e non collaborativo”. Aveva precedenti per reati contro le persone, il patrimonio e resistenza a pubblico ufficiale. L’ultima denuncia a Bologna lo scorso 5 maggio, è noto soprattutto alle forze dell’ordine di Napoli. Per rapina e lesioni è stato alcuni mesi in carcere ad Ariano Irpino. È in attesa della convalida del fermo davanti al gip per tentato omicidio. La donna di 55 anni ferita da uno dei sassi lanciati dall’arrestato è stata trasportata in codice verde all’ospedale Fatebenefratelli.

All’ospedale hanno fatto visita il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Matteo Salvini, l’assessore regionale al Welfare Guido Bertolaso e il capo della Polizia Vittorio Pisani. “Seguo con apprensione tutti gli sviluppi riguardanti l’aggressione avvenuta ieri notte alla stazione di Lambrate a Milano – ha scritto in un post la premier Giorgia Meloni -, dove un poliziotto è stato accoltellato più volte da un cittadino extracomunitario visibilmente alterato che lanciava pietre a treni e a persone. All’agente ferito, alla sua famiglia e ai colleghi della Polizia di Stato tutta la mia vicinanza”.

10 Maggio 2024

Condividi l'articolo