Il Piano, già criticato

Fentanyl, cos’è e perché il governo Meloni ha lanciato l’allarme: “Ndrangheta interessata al traffico”

Il Piano presentato a Palazzo Chigi: "Nessuna emergenza, prevenzione. Trasforma gli assuntori in mostri che camminano". L'attacco di Magi all'esecutivo: "Invitava lobbisti finanziati da case farmaceutiche note per la distribuzione proprio del Fentanyl"

News - di Redazione Web - 12 Marzo 2024

CONDIVIDI

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Alfredo Mantovano (sinistra), il ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara, la dott.ssa Sabina Strano Rossi, il ministro della Salute Orazio Schillaci e il ministro dello Sport Andrea Abodi a Palazzo Chigi durante la presentazione del Piano nazionale di prevenzione contro l’uso improprio di Fentanyl. Roma, Martedì, 12 marzo 2024 (Foto Roberto Monaldo / LaPresse) Undersecretary to the presidency of the Council Alfredo Mantovano (from left), minister of Education Giuseppe Valditara, dr. Sabina Strano Rossi, minister of Health Orazio Schillaci and the minister of Sport Andrea Abodi at Palazzo Chigi during the presentation of the National plan prevention against the improper use of Fentanyl. Rome, Tuesday, March 12, 2024 (Photo by Roberto Monaldo / LaPresse)
Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Alfredo Mantovano (sinistra), il ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara, la dott.ssa Sabina Strano Rossi, il ministro della Salute Orazio Schillaci e il ministro dello Sport Andrea Abodi a Palazzo Chigi durante la presentazione del Piano nazionale di prevenzione contro l’uso improprio di Fentanyl. Roma, Martedì, 12 marzo 2024 (Foto Roberto Monaldo / LaPresse) Undersecretary to the presidency of the Council Alfredo Mantovano (from left), minister of Education Giuseppe Valditara, dr. Sabina Strano Rossi, minister of Health Orazio Schillaci and the minister of Sport Andrea Abodi at Palazzo Chigi during the presentation of the National plan prevention against the improper use of Fentanyl. Rome, Tuesday, March 12, 2024 (Photo by Roberto Monaldo / LaPresse)

A lanciare l’allarme è lo stesso governo tramite un intervento a Palazzo Chigi durante la presentazione del “Piano Nazionale di prevenzione contro l’uso improprio del Fentanyl e di altri oppiacei sintetici”. Stando a quanto denunciato dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Alfredo Mantovano “non c’è alcuna emergenza” ma una prima allerta sì, altrimenti non ci sarebbe stato il bisogno di un Piano specifico approvato ieri, lunedì 11 marzo, in Consiglio dei ministri. Piano già criticato dall’opposizione: il segretario di +Europa Riccardo Magi ha fatto notare i legami controversi dell’esecutivo con alcuni lobbisti appoggiati proprio da produttori di Fentanyl.

Secondo quanto riportato nel Piano tra il 2018 e il 2023 la Polizia ha sequestrato 123,17 grammi di Fentanyl in polvere. Due i decessi a causa del Fentanyl in Italia, dal 2016 a oggi. Il Piano presentato dal governo vuole essere una mossa preventiva per proteggersi dall’emergenza che invece sta colpendo gli Stati Uniti. “Quello del Fentanyl non è un traffico limitato agli USA. Nell’Unione europea ci sono segnali in Portogallo e Gran Bretagna. La nostra intelligence segnala un interessamento della ‘ndrangheta anche se stanno testando il mercato per verificare la convenienza del suo inserimento sul mercato”.

Cos’è il Fentanyl

Il Fentanyl è un oppiaceo sintetico, sintetizzato la prima volta nel 1960 da Paul Janessn come un antidolorifico molto potente usato per la gestione del dolore, soprattutto quello oncologico. È utilizzato anche per l’anestesia in combinazione con altre sostanze. L’uso medico è approvato dietro prescrizione medica, l’Organizzazione Mondiale della Sanità lo ha inserito nella lista di farmaci essenziali per il trattamento dei tumori in stadio avanzato. Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) americani è da 50 a 100 volte più potente della morfina.

“Questa droga – ha aggiunto il sottosegretario – è detta degli zombie, perché trasforma gli assuntori in mostri che camminano. Ha effetto analgesico ma al di fuori di tali circuiti sanitari sta sostituendo eroine e può causare morte dopo soffocamento. È a basso costo, ne basta poco. In Italia non c’è un’emergenza Fentanyl ma c’è negli Usa e non essendoci frontiere invalicabili è bene non trovarsi scoperti”. Da 68mila a 109mila decessi nel 2022, c’è stato un picco, e a essere colpiti sono i giovani. Il piano “è perché vogliamo muoverci in un’ottica di prevenzione”.

Fentanyl pericolo pubblico

Il Piano prevede scambio di informazioni continue tra forze di polizia e comparto intelligence; implementazione del monitoraggio dei flussi di import e export di farmaci a base di Fentanyl; potenziamento delle capacità di controllo della Polizia con apparecchiature portatili dotate di tecnologia Raman in grado di identificare rapidamente stupefacenti sintetici; allerta alle Regioni per monitorare livelli prescrittivi anomali. E ancora: rafforzamento delle procedure da seguire nei laboratori per gli esami sui campioni e il “coinvolgimento di pronto soccorso e Terapie intensive per fare eseguire ricerche analitiche in caso di intossicazioni acute”.

Il Pieno detta anche una formazione specifica per le forze di Polizia e gli operatori sanitari e campagne informative. Il Ministero della Salute dovrà inoltre garantire l’approvvigionamento e la distribuzione dell’antidoto agli oppioidi sintetici, il naloxone. La seconda parte del Piano è dedicata alla “Gestione di una eventuale emergenza”, con specifiche procedure sanitarie e informative. “Serve erigere una barriera, una muraglia”. Si passa anche dalla scuola, con la preparazione specifica degli insegnanti. “Oggi i cattivi maestri sono ad esempio i rapper e non più gli apologeti del terrorismo. Su internet i loro testi sono facilmente rintracciabili e arrivano agli adolescenti senza filtri esaltando tale sostanza. Quindi le famiglie devono accrescere l’attenzione”.

Il ministro della Salute Orazio Schillaci ha dichiarato come “il Fentanyl rappresenta un pericolo per la tutela della salute pubblica. È usato per la terapia del dolore ma l’uso distorto ha un effetto devastante. Dosi anche piccole sono pericolose quindi è necessaria una prevenzione sul territorio. Ci sarà rafforzamento del monitoraggio, potenziati controlli dei Nas e controllo per evitare i furti. Stiamo allertando Regioni e farmacie a un’attenzione massima per evitare i furti”.

La critica di Riccardo Magi

“Ma davvero il governo pensa di prendere in giro così i cittadini?”, ha subito dichiarato il segretario di +Europa, Riccardo Magi. “Oggi organizza una conferenza stampa per presentare il piano contro il Fentanyl, un pericoloso oppiaceo dagli effetti devastanti molto diffuso negli Usa e che sta prendendo piede anche in Europa. Lo scorso giugno, invece, invitava alla conferenza contro la droga i lobbisti Kevin Sabet e Luke Niforatos la cui organizzazione SAM è finanziata, tra gli altri, da case farmaceutiche come la Insys Therapeutics, nota per la distribuzione proprio del Fentanyl. Quindi da una parte fanno la faccia feroce contro il Fentanyl, dall’altra invitano i lobbisti noti per le loro posizioni contro la legalizzazione della cannabis, che però sono pagati da chi produce questa droga pesante. L’ipocrisia del governo Meloni è il vero oppio del popolo italiano”.

12 Marzo 2024

Condividi l'articolo