La strage nel palermitano

Roberto Amatulli: chi è il pastore social citato da Giovanni Barreca, ex parrucchiere diventato santone

L'ex parrucchiere, convertitosi in sedicente santone ed esorcista, era spesso citato da Giovanni Barreca, il 54enne che avrebbe sterminato la sua famiglia ad Altavilla Milicia

Cronaca - di Redazione Web - 12 Febbraio 2024

CONDIVIDI

FOTO DA FACEBOOK E TIKTOK
FOTO DA FACEBOOK E TIKTOK

Roberto Amatulli sulla sua pagina Facebook si definisce “ministro di Gesù ripieno dello spirito santo”. Era spesso citato nei suoi post sui social da Giovanni Barreca, il muratore di 54 anni che avrebbe sterminato la sua famiglia ad Altavilla Milicia, in provincia di Palermo: Barreca avrebbe confessato anche alle forze dell’ordine di aver ucciso la moglie e i figli di 16 e 5 anni. Era un fedele della Chiesa Evangelica, avrebbe raccontato nella sua confessione di aver agito per liberare da Satana i familiari. Dai suoi profili social emerge il ritratto di un uomo ossessionato dalla religione.

Amatulli, sedicente santone di Bari, è molto attivo online, soprattutto su Facebook e TikTok. Pubblica foto e video di momenti di preghiera e riti. Da parrucchiere si è autoproclamato pastore evangelico, guaritore ed esorcista. La sua conversione si è compiuta durante il periodo della pandemia da covid -19. Amatulli ha incominciato a girare per il sud Italia, spesso in Calabria e in Sicilia. Celebrava delle cerimonie di battesimo in piscina o in mare, riprese in filmati poi postati sui social. Si cimentava in riti per curare malattie gravi e in esorcismi per scacciare il demonio. Avrebbe anche dissuaso chi lo seguiva dal rivolgersi ai dottori. È stato anche protagonista di un’inchiesta della trasmissione Mediaset “Le Iene” nello scorso ottobre.

Amatulli nei mesi scorsi avrebbe anche raccontato di aver contribuito con la sua preghiera al risveglio di un bambino in coma, che poi è morto. “È stata fatta la volontà del signore, è dura da accettare ma Dio è Dio. Abbiamo fatto tutto quello che si doveva fare per salvarlo”, aveva spiegato in un video sui social. Secondo quanto riportato nell’inchiesta de “Le Iene” molte persone si sarebbero allontanate dalla famiglia dopo essere entrate in contatto con il sedicente santone. Nell’inchiesta avevano rilasciato la loro testimonianza diversi ex seguaci di Amatulli, che trasferitosi in Toscana non aveva voluto rispondere alle domande degli inviati.

La strage di Giovanni Barreca

Barreca aveva 54 anni, la moglie Salamone era di tredici anni più giovane. La coppia aveva un’altra figlia, di 17 anni, scampata al massacro, che potrebbe aver assistito alla strage. I due figli uccisi si chiamavano Kevin ed Emanuel, di 15 e 5 anni. Barreca è stato fermato per omicidio e soppressione di cadavere. Fermate anche altre due persone: una coppia. Massimo Carandente (50 anni) e Sabrina Fina (42 anni), accusati di concorso in omicidio e soppressione di cadavere.

Il cadavere della moglie, 13 anni in meno di Barreca, è stato trovato dopo ore di ricerche: le spoglie carbonizzate erano state sepolte sotto un cumulo di terra vicino alla casa della coppia ad Altavilla Milicia. i due fratellini stesi sul letto in camera, forse entrambi soffocati, forse con una catena. Sul posto sono intervenuti i militari del reparto operativo e i Ris. La pista esoterica è al momento al vaglio degli investigatori, gli accertamenti in corso sulla coppia di conoscenti fermata. Barreca e la moglie per diverso tempo avevano frequentato una chiesa evangelica. L’inchiesta è coordinata dalla Procura di Termini Imerese.

12 Febbraio 2024

Condividi l'articolo