Il brano

Che cosa significa la canzone di Geolier: il significato e la traduzione di “I p’me, tu p’te” al Festival di Sanremo

Il rapper da record per la prima volta sul palco di Sanremo. Un canzone d'amore dell'artista da record nel 2023 che ha fatto discutere già soltanto per il testo

Spettacoli - di Redazione Web - 6 Febbraio 2024

CONDIVIDI

FOTO DA YOUTUBE
FOTO DA YOUTUBE

La canzone di Geolier ha fatto discutere già prima di suonare a Sanremo. I p’me, tu p’te è stata divisiva da quando il testo è stato pubblicato come di consueto su Tv Sorrisi e Canzoni. Secondo chi si è indignato, arrabbiato, schifato per la forma di napoletano scritto usata dal rapper. Geolier, con il suo napoletano, finora, e in pochi anni, ha vinto 53 dischi di platino e 23 dischi d’oro. Il brano è stato scritto da D. Simonetta, P. Antonacci, E. Palumbo, M. Zocca, G. Petito, D. Totaro e F. D’Alessio. Geolier nella serata dei duetti si esibirà con Luchè e Gigi D’Alessio in una cover di Strade.

Il significato di “I p’ me, tu p’ te

“Il pezzo è nato con l’obiettivo di portare Napoli e il napoletano a Sanremo. Per questo con gli altri autori abbiamo deciso di partire dal dialetto. Il testo parla di una storia, di quelle che capitano a tanti ragazzi. Il punto di forza è il ritornello: devo dire che nelle prime prove mi sono emozionato molto”, ha detto Geolier in un’intervista a Tv Sorrisi e Canzoni.

“Quando Amadeus mi ha concesso di portare il napoletano sono corso in studio a scrivere un pezzo d’amore che ha un messaggio importante. I p’ me, tu p’ te significa io per la mia strada e tu per la tua. Vuole rappresentare il rispetto che si deve al partner quando non c’è più l’amore e non deve andare avanti per inerzia, per abitudine, dopo la separazione”, ha aggiunto a Rolling Stone.

Chi è Geolier

Emanuele Palumbo ha scelto il nome di Geolier che in francese vuol dire “secondino“. E per un gioco di parole anche alcuni abitanti di Secondigliano – alcuni non concordano con la scelta – si chiamano tra di loro o si fanno chiamare così, “secondini”. È rimasto a vivere al Rione Gescal, tra Secondigliano e Miano, dov’è cresciuto. Napoli Nord. Ha vinto 53 dischi di platino e 23 dischi d’oro.

“La mia è stata un’infanzia da grande. Ho fatto le mezze giornate a lavoro quando ancora andavo a scuola. Non ho mai chiesto soldi a mia mamma. Me li metteva lei sul comodino”, ha raccontato in un’intervista a Noisey. Ha scritto la sua prima canzone a 12 anni. Lavorava in una fabbrica di lampadari. Si è licenziato dal lavoro per dedicarsi totalmente alla musica.

È esploso, con l’aiuto di Nicola Siciliano, con P Secondigliano. Ad appoggiarlo nella sua scalata anche Luchè, rapper anche lui di Napoli Nord, che ha fatto la storia con i Co’Sang e che lo ha messo sotto contratto con la BFM Records. Emanuele, il primo album, è uscito nel 2019 con la Universal in collaborazione con BFM Records. Il Coraggio dei bambini, il suo secondo disco, è stato da subito un successo devastante. È primo nella Classifica degli album più ascoltati dell’anno in Italia su Spotify e della Top Album FIMI 2023 fino ad oggi. Ad aprile è uscito un repack dell’album, Atto II, con sei inediti.

Il testo della canzone di Geolier a Sanremo, “I p’ me, tu p’ te”

di D. Simonetta – P. Antonacci – E. Palumbo – M. Zocca – G. Petito – D. Totaro – F. D’Alessio

Ed. Eclectic Music Publishing/Thaurus Publishing/Golden Boys/ Nuova Nassau/Music Union/Management33 Music/ Wonder Manage/Studio Uno Sound – Milano

Nuij simm doije stell ca stann precipitann

T stai vestenn consapevole ca tia spuglia

Pur o’mal c fa ben insiem io e te

Ciamm sprat e sta p semp insiem io e te

No no no comm s fa

No no no a t scurda

P mo no, no pozz fa

Si ng stiv t’era nvta

A felicità quant cost si e sord na ponn accatta

Agg sprecat tiemp a parla
Nun less pnzat maij

Ca all’inizij ra storij er gia a fin ra storij p nuij

O ciel c sta uardann

E quant chiov e pcchè

Se dispiaciut p me e p te

Piccio mo sta iniziann a chiovr

Simm duij estranei ca s’incontrano

E stev pnzann a tutte le cose che ho fatto

E tutto quello che ho perso, non posso fare nient’altro

I p’me tu p’te

I p’me tu p’te

I p’me tu pe’te

Tu m’intrappl abbraccianm

Pur o riavl er n’angl

Comm m può ama si nun t’am

Comm può vula senz’al, no

È passat tantu tiemp ra l’ultima vot

Ramm natu poc e tiemp p l’ultima vot

No, no no no comm s fa

No no no a t scurda

P mo no, no pozz fa

Nun less pnzat maij

Ca all’inizij ra storij er gia a fin ra storij p nuij

O ciel c sta uardann

E quant chiov e pcchè

Se dispiaciut p me e p te

Piccio mo sta iniziann a chiovr

Simm duij estranei ca s’incontrano

E stev pnzann a tutte le cose che ho fatto

E tutto quello che ho perso, non posso fare nient’altro

I p’me tu p’te

I p’me tu p’te

I p’me tu p’te

I p’me tu p’te

I p’me tu p’te

I p’me tu p’te

I p’me tu p’te

I p’me tu p’te

Sta nott e sul ra nostr,

Si vuo truann a lun a vac a piglia e ta port,

E pur si o facess tu nun fuss cuntent,
Vuliss te stell, vuless chiu tiemp cu te.

Piccio mo sta iniziann a chiovr

Simm duij estranei ca s’incontrano

E stev pnzann a tutte le cose che ho fatto

E tutto quello che ho perso, non posso fare nient’altro

I p’me tu p’te

I p’me tu p’te

I p’me tu p’te

La traduzione di “I p’me, tu p’te”, la canzone di Geolier a Sanremo

Siamo due stelle che stanno precipitando
E stai vestendoti consapevole che ti spoglierai
Per il male che fa bene insieme io e te
Chiamiamo sprazzi e stiamo per sempre insieme io e te
No, no, no, come si fa
No, no, no, non ti scordare
Per ora no, non posso fare
Se non stavi attenta
La felicità quanto costa, è sorda una penna a caccia
Abbiamo sprecato tempo a parlare
Non lasciare pensieri mai
Che all’inizio delle storie era già la fine delle storie per noi
Oh cielo che ci guarda
E quanto piove e perché
Se dispiace per me e per te
Ora sta iniziando a piovere
Siamo due estranei che si incontrano
E stavo pensando a tutte le cose che ho fatto
E a tutto ciò che ho perso, non posso fare nient’altro
Per me tu per te
Per me tu per te
Per me tu per te
Tu mi intrappoli, abbracciamoci
Per riavere un angelo
Come può amare se non ti amo
Come può volare senza ali, no
È passato tanto tempo dall’ultima volta
Abbiamo perso poco tempo l’ultima volta
No, no, no, come si fa
No, no, no, non ti scordare
Per ora no, non posso fare
Non lasciare pensieri mai
Che all’inizio delle storie era già la fine delle storie per noi
Oh cielo che ci guarda
E quanto piove e perché
Se dispiace per me e per te
Ora sta iniziando a piovere
Siamo due estranei che si incontrano
E stavo pensando a tutte le cose che ho fatto
E a tutto ciò che ho perso, non posso fare nient’altro
Per me tu per te
Per me tu per te
Per me tu per te
Per me tu per te
Per me tu per te
Per me tu per te
Per me tu per te
Per me tu per te
Questa notte è sola per noi
Se vuoi trovare la luna, vai a prenderla e portala via
E anche se lo facessi tu, non saresti contenta
Vorresti stare, vorresti più tempo con te
Ora sta iniziando a piovere
Siamo due estranei che si incontrano
E stavo pensando a tutte le cose che ho fatto
E a tutto ciò che ho perso, non posso fare nient’altro
Per me tu per te
Per me tu per te
Per me tu per te

6 Febbraio 2024

Condividi l'articolo