Il fronte libanese

Wisam Al-Taweel: chi è il comandante di Hezbollah ucciso da Israele

Continua a scaldarsi lo scontro a Nord. La vittima era un dirigente incaricato di gestire le attività nel Sud del Libano. L'attacco è stato una risposta al danneggiamento del sistema difensivo missilistico Iron Dome da parte di un razzo lanciato dai miliziani del Partito di Dio. Per evitare pericolose escalation, le autorità di Beirut hanno accettato la risoluzione Onu che garantisce sicurezza al confine con lo Stato Ebraico

Esteri - di Redazione Web - 8 Gennaio 2024

CONDIVIDI

Wisam Al-Taweel

Un leader militare di Hezbollah è stato ucciso in un attacco israeliano in Libano. Lo ha riferito un funzionario della sicurezza. Secondo i media di Beirut si tratta di Wisam Al-Taweel, membro del Partito di Dio, ammazzato con un raid compiuto da Israele a Kherbet Selem, località 20 km a nord dalla linea di demarcazione con lo Stato Ebraico. Wisam Al-Taweel era uno dei dirigenti delle operazioni di Hezbollah nel sud del Libano, membro della struttura militare del Partito di Dio. Alcuni media panarabi e libanesi, citando fonti della sicurezza locali, hanno riferito che dirigeva una sezione delle forze speciali di Hezbollah, le Forze Radwan.

Wisam Al-Taweel: chi è il comandante di Hezbollah ucciso da Israele

Il sito del quotidiano libanese Orient le Jour, ha scritto che Hezbollah ha confermato la morte di Wisam Al Taweel, sottolineando che, come è suo solito, il Partito di Dio non ha specificato ulteriori dettagli. Il giornale ha anche pubblicato i seguenti numeri: sono stati 154 fino ad ora i combattenti di Hezbollah uccisi in raid israeliani in Siria e Libano dopo l’attacco di Hamas dello scorso 7 ottobre. Dal canto suo Israele ha ammesso di aver subito danni durante il bombardamento degli Hezbollah contro l’Unità di controllo aereo settentrionale sul monte Meron (in Galilea) e ha annunciato di essere comunque in grado di ripararli. “Grazie a preparativi organizzati per tempo – ha affermato il portavoce militare Daniel Hagariquell’unità continua a funzionare, sostenuta da sistemi di back-up“.

Israele – Hezbollah: ultime notizie

Abbiamo aperto un’indagine sull’incidente – ha aggiunto – per impararne i dettagli, per fare meglio in futuro e per rafforzare le difese della zona“. In proposito, ieri gli Hezbollah avevano annunciato di aver colpito sul monte Meron, “gli occhi di Israele nel nord del Paese” ed avevano anche diffuso in video dell’attacco. Secondo i media israeliani, gli Hezbollah hanno impiegato missili KornetEM, contro i quali in apparenza il sistema israeliano Iron Dome di difesa aerea non è efficiente. Intanto, considerata l’escalation del conflitto per il fronte Nord, il Libano si è pronto ad attuare la risoluzione 1701 del Consiglio di sicurezza Onu secondo la quale le forze di Hezbollah non saranno schierate a sud del fiume Litani.

Israele – Hezbollah: la risoluzione Onu e le parole di Netanyahu

L’esercito libanese controllerà tutto il Paese, fino al confine con Israele e Hezbollah verrà disarmato. Lo ha affermato il ministro degli Esteri libanese Abdallah Bou Habib, sottolineando allo stesso tempo che Israele deve ugualmente attuare la risoluzione, ritirandosi “completamente da tutti i territori libanesi e fermando le violazioni terrestri, marittime e aeree“. Intanto, il premier Benjamin Netanyahu si è recato proprio nei pressi del confine, a Kiryat Shmona. Il primo ministro ha dichiarato: “Ovviamente preferiamo che ciò avvenga senza dover ricorrere ad una vasta campagna militare, ma ciò non ci fermerà. Ne abbiamo dato una prova agli amici degli Hezbollah al sud (Gaza, ndr) e succederà anche a Nord. Hezbollah si sta rendendo conto della nostra enorme potenza, della coesione del popolo, della nostra determinazione a riportare la sicurezza ovunque ai nostri confini. Questa è la mia politica“.

8 Gennaio 2024

Condividi l'articolo