La polemica

Claudine Gay: chi è la rettrice dimissionaria di Harvard

Tutto ha avuto origine dalle polemiche che hanno travolto prestigiosi atenei Usa, accusati di antisemitismo e odio contro gli ebrei, rispetto alle posizioni prese nei confronti di Hamas e dell'attacco scagliato contro Israele lo scorso 7 ottobre. Il tutto è culminato in un imbarazzante audizione presso il Congresso Usa

Esteri - di Redazione Web - 4 Gennaio 2024

CONDIVIDI

Claudine Gay: chi è la rettrice dimissionaria di Harvard

La rettrice di Harvard getta la spugna e si dimette denunciando di aver subito nelle ultime settimane “attacchi personali e minacce alimentate dal razzismo“: dopo la bufera sull’antisemitismo nel campus e le accuse di aver copiato pubblicazioni altrui senza dare il dovuto credito, Claudine Gay ieri ha lasciato l’ateneo. Lo ha riportato l’Ansa. “È con molta emozione ma con un grande amore per Harvard che scrivo per informarvi che mi dimetto“, ha affermato la 53enne, figlia di immigrati haitiani, nella lettera in cui annuncia le dimissioni.

Claudine Gay: chi è la rettrice dimissionaria di Harvard

Ma ha aggiunto anche che “è stato spaventoso esser stata oggetto di attacchi personali e minacce alimentate dal razzismo“. Solo sei mesi fa Claudine si era insediata alla guida di Harvard, la prima persona nera e la seconda donna alla presidenza dell’università più famosa d’America. Alan Garber, medico ed economista, servirà al suo posto come presidente pro-tempore in attesa che sia individuato il successore.

Le polemiche contro gli atenei Usa

La Gay è la seconda leader di un ateneo Ivy League ad essersi dimessa nelle ultime settimane. In dicembre era stata costretta a fare un passo indietro la collega della University of Pennsylvania Elizabeth Magill, co-protagonista con Gay e con Sally Kornbluth di Mit di una disastrosa audizione in Congresso in cui le tre rettrici erano sembrate condonare episodi di antisemitismo e minacce agli studenti ebrei in seguito all’attacco del 7 ottobre di Hamas contro Israele. La Kornbluth è ancora al suo posto.

Le Università Usa, Hamas e Israele

Le dimissioni della Gay pongono fine al più breve mandato nella plurisecolare storia di Harvard, ha sottolineato il giornale studentesco Harvard Crimson. Professoressa di studi africani e afro-americani, Claudine si era insediata in luglio, sei mesi dopo la nomina. In dicembre, con la benedizione del board, aveva inizialmente salvato il posto dopo la controversa testimonianza alla Camera in cui, incalzata dalla deputata repubblicana Elise Stefanik, aveva risposto che “dipende dal contesto” alla domanda se “chiedere se il genocidio degli ebrei violasse le regole di Harvard“.

Le accuse di antisemitismo

Il board aveva fatto quadrato attorno alla rettrice nonostante il pressing di importanti donatori ed influenti ex alunni ebrei, mentre le polemiche sulla guerra tra Hamas e Israele alimentavano una crescente polarizzazione sul campus. Erano però poi emerse, alimentate dai media conservatori, le accuse di aver ‘rubato’ materiale altrui, usandolo nelle sue pubblicazioni senza citare adeguatamente le fonti. A metà dicembre erano così finiti sul banco degli imputati articoli usciti nel 2001 e nel 2017, seguiti dalla denuncia di problemi nella sua tesi di dottorato del 1997 in cui Harvard ha trovato un paio di esempi di “linguaggio duplicativo” senza la giusta attribuzione. La Gay aveva corretto gli articoli, ma i guai non erano finiti.

4 Gennaio 2024

Condividi l'articolo