La requisitoria su Haaretz

Israele, il prezzo carissimo della guerra: trasformarsi in uno “Stato paria”

Quando finirai di leggere questo articolo un altro bambino sarà stato ucciso a Gaza. Uno ogni otto minuti. Il popolo ebraico ormai in tutto il mondo è malvisto. Tra gli americani è più popolare Hamas

Esteri - di Umberto De Giovannangeli - 3 Gennaio 2024

CONDIVIDI

Israele, il prezzo carissimo della guerra: trasformarsi in uno “Stato paria”

A volte, non si trovano le parole per dar conto di tragedie apocalittiche come quella che si sta consumando a Gaza. Ma se non riesce a trovarle un grande del giornalismo come Gideon Levy, vuol dire che il genocidio di Gaza è qualcosa che non rientra nell’usuale “vocabolario” di guerra.

Le parole servono a spiegare. Ma, scrive Levy su Haaretz, “Non c’è modo di ‘spiegare’ la condotta di Israele nella Striscia di Gaza. La distruzione, l’uccisione, la fame e l’assedio in dimensioni così mostruose non possono più essere spiegati o giustificati, nemmeno da un’efficace macchina di propaganda come la diplomazia pubblica israeliana (hasbara).

“Il male non può più essere nascosto da nessuna propaganda. Anche la combinazione israeliana vincente di vittimismo, Yiddishkeit, persone elette e Olocausto. non può più offuscare l’immagine. Gli orribili eventi del 7 ottobre non sono stati dimenticati da nessuno, ma non possono giustificare gli orrori di Gaza. 

Il propagandista che possa spiegare l’uccisione di 162 bambini in un giorno – una cifra riportata dai social media questa settimana – deve ancora nascere, per non parlare dell’uccisione di circa 10mila bambini in due mesi.

“Israele sta già allestendo il suo “Yad Vashem” aggiornato. Centinaia di funzionari ebrei degli Stati Uniti vengono trasportati in navetta aerea verso il kibbutzim bruciato nel sud. Nessun ospite ufficiale d’ora in poi potrà recarsi in visita in Israele senza essere costretto a passare attraverso il Kibbutz Be’eri. E dopo, se osa rivolgere lo sguardo alla Striscia di Gaza, sarà etichettato come antisemita.

È molto dubbio che questo farà bene. Hasbara è ora una macchina immorale. Chiunque si accontenti di essere scioccato da ciò che ci è stato fatto ignorando ciò che abbiamo fatto da allora non ha integrità o coscienza. Non si può ignorare Gaza ed essere scioccati solo da Kfar Azza. Naturalmente è obbligatorio raccontare e mostrare al mondo ciò che Hamas ci ha fatto. Certo, la storia inizia lì, ma non finisce quel giorno. Non raccontare il suo sequel è un atto spregevole.

“Accanto alla terribile sofferenza israeliana, che non deve essere sottovalutata, la sofferenza molto più grande è ora nella Striscia di Gaza. È di portata enorme e causa disperazione. Non ha spiegazioni, né ne ha bisogno. Bastano i rapporti, le testimonianze, i video che escono da Gaza e vengono trasmessi in tutto il mondo tranne che in un piccolo stato, i cui occhi sono chiusi e il cui cuore è sigillato.

“L’hasbara israeliana è un inganno. Racconta una storia che non è tutta la verità. Nascondendo più di metà della verità, hasbara avrebbe dovuto essere vista come un’attività vergognosa. Ma non lo è. In Israele una figura assurda come quella dell’attrice e attivista Noa Tihsbi è diventata l’eroina del momento.

Benny Gantz, che ha partecipato a una festa in suo onore, nella casa del padre in lutto Eyal Waldman, ed è stato fotografato sorridente, un bicchiere in una mano e Tishbi nell’altra, ha commesso qualcosa di molto più grave di una leggerezza comportamentale. Il punto è che gli ingannatori vengono trasformati in eroi qui. Sfogliare l’account X di Tishbi ti farà vomitare.

“L’ostentazione dell’orrore e dello sdegno che si fa spettacolo. Miserevole. Come è quello offerto da Natalie Dadon: abbracci, lacrime e sorrisi esibiti, kitsch e morte direttamente dalla zona vicino al confine con Gaza. Noi siamo qui, la nazione ebraica è con voi, dice la donna emigrata da Israele per i lustrini di Holliwood. […]

E i gioielli, oh i gioielli esibiti da Tishbi: due stelle di David, non una, solo per essere sicuri; una collana Chai e una mappa from-the-river-to-the-sea, tutto in oro. Un quarto di milione di follower. Hanukkah è una festa sionista. Tel Aviv è una città sotto attacco. “Devi immaginare come sarà il Medio Oriente dopo la sconfitta di Hamas”, dice a Piers Morgan di TalkTV.

“Vuoi sapere come sarà il Medio Oriente? Gaza distrutta, rasa al suolo, due milioni di senzatetto e uno stato di apartheid, di cui Tishbi non ha nemmeno sentito parlare”.

E Israele? Come uscirà da questa guerra. Riflette Levy: “Alla fine di questa guerra, Israele si troverà in una situazione peggiore di quando è iniziata. Poiché gli aspetti morali di questa guerra non disturbano quasi nessuno in Israele, in particolare i media, non resta che rispondere onestamente alla seguente domanda: cosa guadagna Israele da questa guerra? Che cosa può esattamente sperare?

“Mentre il coro di portavoce dell’esercito che si fingono giornalisti esaltano i risultati dell’esercito, e poiché quasi tutti gli israeliani credono che dopo il 7 ottobre Israele possa fare tutto ciò che gli piace, si può solo chiedere dei guadagni. Le perdite si stanno già accumulando. Più a lungo continua la guerra, maggiori sono i danni a Israele.

“Difficilmente si può pensare a un solo vantaggio che Israele potrebbe cogliere da questa guerra, anche se ignoriamo i suoi orrori e la sofferenza indescrivibile dall’altra parte e ci concentriamo solo su “ciò che è buono per Israele”, come agli israeliani piace inquadrarlo. È molto brutto per Israele. Il futuro degli ostaggi sta diventando sempre più oscuro e la sicurezza di Israele sta diventando sempre più tremolante.

“I fatti sono evidenti. Hamas sta diventando sempre più forte. Più viene colpita a Gaza, più la sua forza politica cresce tra i palestinesi, almeno al di fuori della Striscia di Gaza. Più a lungo va avanti la guerra, peggiore diventa la posizione internazionale di Israele. Ha già raggiunto un nadir senza precedenti, non ancora tra i governi, ma certamente nell’opinione pubblica mondiale.

“Israele  è diventato uno stato paria più che mai. I rapporti da Gaza presentano una realtà barbara. Il mondo lo vede e ci detesta.. Come poteva non esserlo? I sondaggi dei giovani negli Stati Uniti, compresi i giovani ebrei, dovrebbero fare inorridire Israele. Hamas è più popolare tra loro di Israele. Possiamo ringraziare la guerra per questo.

“Grazie, guerra, per aver reso ogni israeliano non solo un bersaglio di sicurezza ovunque vada, ma un bersaglio di vergogna nazionale. Ad alcuni israeliani non dispiace vergognarsi, ma non tutti.

“Grazie, guerra, per aver portato Israele sull’orlo di un abisso economico. I giorni dei turisti che venivano qui nei numeri a cui eravamo abituati sono lontani, ma il più grande danno fatto a Israele si farà sentire in ciò che gli sta accadendo internamente. Più che la revisione giudiziaria, questa guerra sta distruggendo le vestigia della democrazia israeliana.

“Durante questa guerra, civili sono stati licenziati, interrogati o imprigionati per aver espresso solidarietà con altri esseri umani e orrore per l’uccisione, per aver semplicemente chiesto la pace, per aver protestato contro la mancanza di opposizione a questa guerra. Gli arabi israeliani hanno paura di respirare.

La condotta delle forze dell’ordine durante questa guerra è molto più pericolosa per la democrazia israeliana della sospensione dell’uso dello standard di ragionevolezza   da parte dei tribunali del paese.

“Tale condotta ha suscitato pochissime proteste. Non solo sui campi di battaglia Israele ha adottato una politica di uccisioni indiscriminate in misura mai vista prima; è anche diventata sadica in modi senza precedenti nelle sue strutture di detenzione.

“Tutto vale dopo il 7 ottobre. Non è solo l’estrema destra che ha contaminato il discorso pubblico. Il centro vuole anche più sangue, distruzione, epidemie e fame, e non si vergogna di dirlo apertamente.

“Questa legittimazione del male rimarrà con noi molto tempo dopo la fine della guerra. Gaza può essere riabilitata, ma non il collasso morale in Israele. La legittimazione dei crimini di guerra non ci lascerà andare, e d’ora in poi tutto sarà permesso anche in Cisgiordania, e successivamente in Israele stessa. Ciò che inizia in un centro di detenzione vicino a Be’er Sheva non si fermerà qui. Tra il momento in cui hai iniziato a leggere questo articolo e hai raggiunto la fine, un altro bambino è morto a Gaza, con altri due feriti.

È così: una morte infantile ogni otto minuti. L’indifferenza di Israele a questo fatto e il suo occultamento da parte della stampa sono il danno più irreversibile che questa guerra abbia inflitto a Israele. E ora, torniamo al nostro corrispondente militare, che ci parlerà dei successi delle Forze di Difesa Israeliane a Dir al-Balah”.

3 Gennaio 2024

Condividi l'articolo