Sequestrata la nave Ong

Ocean Viking sequestrata, la “canagliata” contro la nave Ong: accusata di aver “pensato” a un nuovo salvataggio

Aveva salvato nei giorni scorsi centinaia di persone. Le autorità italiane l’hanno sequestrata. E’ accusata aver “pensato” a un nuovo salvataggio “illegale”.

Cronaca - di Redazione Web - 2 Gennaio 2024

CONDIVIDI

Ocean Viking sequestrata, la “canagliata” contro la nave Ong: accusata di aver “pensato” a un nuovo salvataggio

Subito prima di Capodanno le autorità italiane hanno compiuto l’ennesima canagliata contro una nave delle Ong. L’“Ocean Viking”. Era appena arrivata a Bari dopo un lungo viaggio e dopo aver salvato circa 250 naufraghi (se non li avesse salvati, oggi, probabilmente, nella contabilità dei morti dovremmo aggiungere 250 ai circa 2500 morti nel 2023) ed è scattata la misura di sequestro.

Si chiama “fermo amministrativo”. Di solito è accompagnato da una forte multa che serve a indebolire la forza economica delle Ong. Le due misure sono previste dal famoso decreto “spazza-naufraghi” varato dal governo Meloni giusto un anno fa e convertito in legge all’inizio del 2023.

La misura anti profughi – chiaramente incostituzionale e in violazione aperta ed evidentissima del diritto internazionale, del diritto marittimo e anche del nostro codice penale – vieta alle navi delle Ong di compiere più di un salvataggio alla volta – obbligandole a violare il codice penale che prevede il reato di omissione di soccorso – e concede alle autorità italiane di disperdere le navi dei soccorsi costringendole a portare i naufraghi in posti lontanissimi dal luogo del naufragio, riducendo in questo modo la loro possibilità di intervento in soccorsi successivi.

Questa legge ha abbondantemente ridimensionato il contributo delle Ong alla salvezza dei profughi e ha liberato il Mediterraneo da testimoni scomodi, favorendo in questo modo le operazioni illegali di respingimento dei profughi verso i lager libici. Quanti morti costerà questo nuovo fermo della Ocean Viking? Impossibile prevederlo.

Possiamo dire che secondo i dati ufficiali quest’anno gli sbarchi sono aumentati del 50 per cento e i morti annegati sono aumentati del 60 per cento (rispetto all’anno precedente). In questo scarto di 10 punti ci sono i risultati del decreto spazza-naufraghi. Che, tradotto in cifra assoluta (anche se il calcolo è un po’ complicato), oscilla tra i cento e i duecento morti in più dovuti alla mancanza di soccorso.

2 Gennaio 2024

Condividi l'articolo