Le premonizioni

Profezie di Bill Gates per il 2024, che cosa succederà secondo il magnate e filantropo: IA, clima, elezioni

Le previsioni del magnate e filantropo fondatore di Google, ormai un appuntamento fisso dopo le dichiarazioni che anticiparono la pandemia. “Il 2024 sarà un anno di svolta sia per la sanità sia per il clima. Le decisioni che faranno i leader eletti determineranno quanto progresso continueremo a fare in ognuna di queste aree"

Curiosità - di Redazione Web - 28 Dicembre 2023 alle 15:29

Condividi l'articolo

Collage realizzato tramite Image Creator from Microsoft Designer + Lapresse
Collage realizzato tramite Image Creator from Microsoft Designer + Lapresse

Anno di svolta, il prossimo, e per svariati motivi: per l’innovazione, l’intelligenza artificiale, il clima, gli equilibri mondiali. Ormai sono diventate puntuali come le profezie di Nostradamus quelle di Bill Gates che anche quest’anno ha rilasciato dichiarazioni in cui ha espresso le sue previsioni per il futuro. “Si arriverà a una società in cui si dovrà lavorare solo tre giorni alla settimana”, ha osservato il magnate parlando dei progressi tecnologici. Questo status quasi da chiaroveggente contemporaneo, il fondatore di Microsoft e filantropo, lo ha raggiunto anche a causa della pandemia da Sars-COV-2 esplosa nel 2020. E in quell’occasione non era stato salvato dai soliti complottisti.

Prima di tutto: intelligenza artificiale, che Gates ha sempre difeso pur riconoscendone i rischi. Secondo il magnate nel 2024 si vedranno importanti sviluppi delle IA nella medicina. Un esempio può essere la ricerca di una soluzione per la resistenza agli antibiotici: l’Aurum Institute, un centro di ricerca in Ghana, ha già avviato un progetto per sostenere i dottori a prescrivere gli antibiotici più adatti per ogni paziente con tanto di indicazioni terapeutiche specifiche. Altre possibili applicazioni in ambito medico delle IA: per trattare gravidanze a rischio, prevenire il contagio da Hiv, aiutare gli operatori sanitari a creare cartelle cliniche per i propri pazienti.

La fame del mondo

Gates ha anche previsto un’altra grande scoperta scientifica: “Siamo vicini al momento in cui si realizzerà una delle mie più grandi scommesse: usare la conoscenza sulla flora intestinale per prevenire e curare la malnutrizione”. La ricerca sul Bifidobacterium infantis (un batterio che aiuta i neonati ad assorbire i nutrienti nel latte materno) sta avanzando e i test clinici stanno per arrivare alla terza fase: gli studi puntano a creare una versione in polvere del microorganismo per aggiungerlo al latte per neonati. “Affrontando la malnutrizione possiamo ridurre uno dei più grandi responsabili della mortalità infantile”. Bill Gates ha fondato la Bill and Melinda Gates Foundation, una no-profit che ha creato insieme alla moglie.

Cambiamento climatico, energia ed elezioni

Secondo Bill Gates il futuro sarà determinato dall’energia nucleare, anche tramite la fusione, che rappresenta la fonte secondo il magnate tramite cui accompagnare la transizione verso le energie rinnovabili come l’eolico e il solare. “Il 2024 sarà un anno di svolta sia per la sanità sia per il clima. Le decisioni che faranno i leader eletti determineranno quanto progresso continueremo a fare in ognuna di queste aree”. E il tema si collega al fatto che il prossimo sarà “il più grande anno elettorale della storia” come ha scritto anche l’Economist. “Sebbene le elezioni di ogni anno siano importanti, il numero di persone che voteranno nel 2024 significa che i risultati avranno un impatto enorme sul futuro del nostro mondo”.

Pandemia

“Non siamo pronti per la prossima pandemia come speravo fossimo ormai a questo punto”, ha detto Gates a proposito di una prossima pandemia. “Adesso è il momento perché rendano una priorità la preparazione per la prossima pandemia, prima che sia troppo tardi”. Per via delle sue dichiarazioni rilasciate nel 2015, basate su evidenze scientifiche, che prevedevano una pandemia Bill Gates era stato coinvolto in numerose teorie del complotto. “Se qualcosa ucciderà 10 milioni di persone, nei prossimi decenni – aveva detto in un TedX – , è più probabile che sia un virus altamente contagioso piuttosto che una guerra. No missili, ma microbi. In parte il motivo è che abbiamo investito cifre enormi in deterrenti nucleari. Ma abbiamo investito pochissimo in un sistema che possa fermare un’epidemia. Non siamo pronti per la prossima epidemia”.

28 Dicembre 2023

Condividi l'articolo