Le condizioni di salute

Papa Francesco: come sta e perché non andrà a Dubai

Secondo una nota diramata dal direttore della Sala stampa della Santa Sede, Matteo Bruni, i medici hanno sconsigliato al Pontefice di recarsi negli Emirati a causa dell'infezione alle vie respiratorie. Bergoglio avrebbe dovuto partecipare alla conferenza sui cambiamenti climatici

Cronaca - di Redazione Web - 28 Novembre 2023

CONDIVIDI

Papa Francesco: come sta e perché non andrà a Dubai

A causa dell’affezione respiratoria e polmonare che l’ha colpito in questi ultimi giorni, Papa Francesco deve rinunciare in extremis al viaggio a Dubai, in programma da venerdì a domenica prossimi. La notizia è stata data questa sera dal direttore della Sala stampa della Santa Sede, Matteo Bruni. “Pur essendo migliorato il quadro clinico generale del Santo Padre relativamente allo stato influenzale e all’infiammazione delle vie respiratorie“, i medici hanno chiesto “al Papa di non effettuare il viaggio previsto per i prossimi giorni a Dubai, in occasione della 28a Conferenza delle Parti per la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici“, ha dichiarato Bruni. Papa Francescoha accolto con grande rammarico la richiesta dei medici e il viaggio è dunque annullato“.

Papa Francesco: come sta e perché non andrà a Dubai

In qualche modo la presenza vaticana alla Cop28 di Dubai sarà comunque mantenuta. “Permanendo la volontà del Papa e della Santa Sede di essere parte delle discussioni in atto nei prossimi giorni, saranno definite appena possibile le modalità con cui questa si potrà concretizzare“, ha aggiunto il portavoce vaticano. Fino ad oggi il viaggio del Papa a Dubai (doveva essere il 45/o del pontificato, il sesto di quest’anno), era confermato, malgrado lo stato influenzale di Francesco. A quest’ultimo l’infiammazione polmonare è stata diagnosticata in seguito ad una Tac fatta al Gemelli Isola Tiberina. L’esame ha escluso la polmonite

. Proprio questa mattina Bruni aveva tenuto il consueto briefing con i giornalisti accreditati come avviene di solito a ridosso dei viaggi papali. Ma evidentemente in serata ragioni prudenziali hanno determinato la clamorosa decisione: pur in un quadro clinico complessivamente “migliorato” sottoporre il quasi 87/enne Bergoglio – il compleanno è fra tre settimane – alle fatiche di voli di andata e ritorno di quasi sette ore ciascuno, di un discorso alla Cop28 seguito da una trentina di incontri bilaterali con capi di Stato e di governo, poi anche dell’inaugurazione del ‘Padiglione delle fedi‘ domenica mattina prima del ritorno a Roma, è stato ritenuto dai medici altamente sconsigliabile.

Papa Francesco: le condizioni di salute

Comprensibile il “rammarico” del Pontefice per la dolorosa rinuncia, ad appena tre giorni dalla partenza, a un viaggio che aveva fortemente voluto, dedicato a un tema che è tra quelli che gli stanno più a cuore come il degrado del pianeta, la crisi climatica e gli effetti devastanti sulle popolazioni umane: tema cui ha dedicato l’enciclica Laudato si’ nel 2015 e lo scorso 4 ottobre, proprio in vista della Cop28 di Dubai, l’esortazione apostolica Laudate Deum. Si cercherà ora il modo di far arrivare comunque il suo messaggio alla Conferenza che si apre dopodomani negli Emirati. In ogni caso, al momento, gli altri impegni programmati sono confermati, a partire dall’udienza generale di domani, che si svolgerà nell’Aula Paolo VI.

28 Novembre 2023

Condividi l'articolo