A Milano

Manager denuncia stupro di gruppo in un locale ai Navigli: tre accusati, il video online

L’accusa sostiene che la vittima sarebbe stata abusata quando non era in grado di esprimere un consenso consapevole. La 32enne era “in preda ad un’incapacità fisica e psichica”

Cronaca - di Redazione Web - 26 Ottobre 2023

CONDIVIDI

FOTO DI REPERTORIO
FOTO DI REPERTORIO

La Procura di Milano ha chiuso le indagini su un presunto stupro consumatosi lo scorso marzo ai Navigli e ha accusato tre uomini, tutti e tre sotto i 30 anni, tra cui due titolari del locale dove si sarebbero consumate le violenze ai danni di una giovane manager di 32 anni. I tre sono accusati di stupro di gruppo, un video degli abusi sarebbe finito anche online presumibilmente caricato da uno dei sospettati. Sul caso indagano i carabinieri coordinati dalla pm Alessia Menegazzo e dall’aggiunto Letizia Mannella.

Le violenze si sarebbero consumate a fine marzo. Secondo la ricostruzione de Il Corriere della Sera Milano la ragazza aveva trascorso la serata nel locale con un amico a partire dalle 21:00. Intorno all’una l’amico della 32enne avrebbe deciso di andare via. La ragazza avrebbe bevuto senza costrizioni. Birre, cocktail, cicchettini. I carabinieri hanno annotato che la 32enne era “in preda ad un’incapacità fisica e psichica” presumibilmente osservando le immagini delle telecamere di sorveglianza e quelle del cellulare di uno dei presunti violentatori.

L’accusa sostiene che la ragazza sarebbe stata abusata quando non era in grado di esprimere un consenso consapevole. Altre immagini inquadrano la 32enne mentre in strada abbraccia e bacia uno dei tre, che forse l’avrebbe accompagnata a casa. I pm non hanno ritenuto il caso di chiedere l’arresto dei sospettati. Il giorno dopo la ragazza si sarebbe svegliata ricordando poco e niente. Le violenze sono state certificate dalla Clinica Mangiagalli. Alcuni mesi dopo un’amica ha avvertito la 32enne che online circolava un video dello stupro.

26 Ottobre 2023

Condividi l'articolo