Il dramma

Alto Adige, uomo perde la vita dopo essere stato colpito da un taser

La chiamata ai carabinieri, l'intervento dei militari, lo stato di agitazione e la tragedia

Cronaca - di Redazione Web - 10 Luglio 2024

CONDIVIDI

Alto Adige, uomo perde la vita dopo essere stato colpito da un taser

Dopo essere stato colpito dal taser in dotazione ai carabinieri, è morto per arresto cardiocircolatorio. È quanto successo nella nottata di ieri in Alto Adige, quando i Carabinieri della Compagnia di Vipiteno sono intervenuti presso l’abitazione privata di una persona che aveva chiamato il 112, in evidente stato di agitazione, segnalando la presenza di persone non meglio precisate al di fuori della sua stanza. I carabinieri, intervenuti insieme al personale sanitario, hanno tentato di accedere all’appartamento ma l’uomo, in evidente stato confusionario dovuto presumibilmente all’uso di alcool e stupefacenti, si è rifiutato di aprire urlando frasi sconnesse e lanciando il mobilio all’interno della stanza.

Muore dopo essere stato colpito da un taser

Allo stesso tempo, l’uomo era al telefono con l’operatore della Centrale Operativa dei Carabinieri e continuava a parlare di persone sconosciute alla sua porta, che in realtà erano i veri Carabinieri venuti ad aiutarlo. Non riuscendosi in nessun modo a calmare, l’uomo si è lanciato dalla finestra, da un’altezza di circa 2 metri e mezzo. Nonostante la violenta caduta si è rialzato e si è lanciato contro i carabinieri nel tentativo di aggredirli: a quel punto i militari hanno usato il “taser” in dotazione. Pur colpito continuava a opporre resistenza obbligando i militari ad immobilizzarlo a terra per permettere ai sanitari di poter procedere alle cure del caso.

La chiamata al 112, l’intervento dei carabinieri, lo stato di agitazione e la tragedia

Dopo alcuni minuti ha però accusato un malore costringendo il medico d’urgenza, già presente sul posto, a effettuare le manovre di rianimazione che non hanno evitato l’arresto cardio circolatorio. L’uomo è morto dopo oltre un’ora. Nel corso della successiva perquisizione nella stanza i Carabinieri rinvenivano alcune dosi di stupefacente probabilmente cocaina ed alcoolici vari ritenuti, verosimilmente, la causa del grave stato di agitazione e di confusione in cui versava il soggetto. L’uomo, residente fuori provincia, già in passato si era reso protagonista di episodi simili. Le cause del decesso sono, tutt’ora, al vaglio dell’Autorità Giudiziaria che ha disposto l’autopsia nell’ambito di un procedimento penale aperto a carico di ignoti.

10 Luglio 2024

Condividi l'articolo