A Vitinia

Rapina all’ufficio postale: colpo grosso da 300mila euro, direttrice e cassiera minacciati, banditi in fuga

Tutto in pochi minuti tra l'irruzione, le minacce e la fuga. Uno dei due banditi armato di pistola. L'identikit dei presenti dei due rapinatori

Cronaca - di Redazione Web - 5 Giugno 2024

CONDIVIDI

FOTO DA GOOGLE MAPS
FOTO DA GOOGLE MAPS

Colpo grosso in un ufficio postale a Vitinia, frazione nel quadrante sud di Roma, nel IX Municipio: due uomini, a volto coperto, armati di una pistola hanno portato a termine una rapina da 300mila euro. È durato pochi minuti il blitz di martedì mattina tra l’irruzione, le minacce e la fuga. Nessun ferito. Non è chiaro quanta gente si trovasse al momento nell’ufficio. Sul posto, impegnati nelle indagini, sono intervenuti gli agenti di polizia della Squadra Mobile con gli agenti del distretto di Spinaceto e la scientifica.

La rapina è stata messa a segno in un ufficio in via Casalecchio di Reno. Secondo quanto ricostruito si è consumato tutto in pochi minuti: i due che hanno fatto irruzione, uno con il volto coperto da una calza da donna, l’altro da occhiali da sole e cappuccio. Uno dei due armato di pistola. Il primo che si è occupato della cassiera, affinché gli consegnasse i contanti e non facesse scattare l’allarme antirapina. Il secondo si è dedicato al direttore, si è fatto portare nel caveau minacciandolo verbalmente.

Il colpo è stato messo a segno nei giorni in cui vengono consegnate le pensioni. I presenti hanno descritto i due uomini che hanno fatto irruzione come quarantenni con accento romano. Sarebbero fuggiti prima a piedi e quindi su uno scooter verso la stazione di Vitinia. Nessuna traccia al momento dei due. Acquisite le immagini delle telecamere di sorveglianze.

5 Giugno 2024

Condividi l'articolo