L'allenatore

Antonio Conte, chi è la moglie Elisabetta Muscarello: il matrimonio, la figlia Vittoria, la famiglia e l’arrivo a Napoli

La coppia si è sposata nel 2013, ad accompagnare i due all'altare la figlia Vittoria. Un relazione cominciata ai tempi dell'arrivo alla Juventus del nuovo allenatore del Napoli

Gossip - di Redazione Web - 5 Giugno 2024

CONDIVIDI

FOTO DA INSTAGRAM (ANTONIO CONTE)
FOTO DA INSTAGRAM (ANTONIO CONTE)

Antonio Conte torna in panchina in Italia: sarà il nuovo allenatore dell’SSC Napoli. Ritornerà ad allenare in Serie A dopo lo Scudetto vinto con l’Inter nella stagione 2020/2021. Anni dopo sarà di nuovo in Italia, nel suo Paese, dopo l’ultima esperienza al Tottenham, in Inghilterra. Dopo essersi goduto la famiglia, come aveva detto di voler fare, che ha costruito con la moglie Elisabetta Muscarello, donna molto riservata, poco mediatica, con cui il tecnico ha avuto una figlia, Vittoria.

La coppia si è sposata nel giugno del 2013, dopo nove anni di fidanzamento e la nascita della figlia. “Cara Betta, oggi è l’anniversario del nostro matrimonio. Sono già passati tre anni. Anche se non possiamo festeggiare assieme a Vittoria, ti rinnovo il mio amore. Ti ringrazio per il sostegno che mi dai ogni giorno e per essere al mio fianco in tutte le sfide personali e lavorative che sto affrontando. Un bacio, Antonio”, la dedica su Facebook. A accompagnare la coppia all’altare proprio la figlia Vittoria.

Si erano conosciuti perché erano vicini di pianerottolo, secondo quanto ha ricostruito Vanity Fair. Lui avrebbe provato a impressionarla con una Porsche, lei gli avrebbe detto che preferiva cose più semplici. Sette anni di differenza. Lui aveva 22 anni e da poco tempo si era trasferito a Torino. La figlia Vittoria è nata nel 2007. “Non è semplice” preservare il rapporto, ha raccontato in un’intervista alla trasmissione Belve di Francesca Fagnani.

“Vivi comunque le sconfitte, le pressioni, lo stress e volente o nolente te le porti a casa, a meno che non decidi di andare in albergo e decidi di stare da solo. Il nido familiare è quello in cui preferisco rifugiarmi, anche se poi mi isolo”. Una delle ragioni dell’addio al Tottenham, ultima squadra che ha allenato a Londra, era stata proprio la lontananza dalla famiglia. “Sono andato solo, vivevo in albergo, è stata una situazione che mi è pesata. Quando vivi solo per il lavoro non hai quella valvola di sfogo”. La famiglia era rimasta a vivere a Torino, in Italia. In occasione della Giornata Internazionale del Bacio, il bacio che la coppia si è data dopo la vittoria dell’Italia agli Europei contro la Spagna è diventato virale in rete.

5 Giugno 2024

Condividi l'articolo