L'inchiesta di Haaretz

Sde Teiman, lo scandalo del campo di concentramento di Netanyahu tra torture e mutilazioni

La denuncia di un medico della struttura alla Procura generale di Israele: “Prigionieri legati e ammanettati h24, siamo costretti ad amputarli”

Esteri - di Umberto De Giovannangeli - 5 Aprile 2024

CONDIVIDI

Sde Teiman, lo scandalo del campo di concentramento di Netanyahu tra torture e mutilazioni

Trattati come degli animali. Peggio degli animali. L’Abu Ghraib israeliana si chiama Sde Teiman. “Un medico dell’ospedale da campo allestito nel centro di detenzione di Sde Teiman per contenere i gazawi arrestati – rivela Haaretz in un report a firma Magar Shezaf e Michael Hauser Tovha descritto le condizioni che, a suo dire, potrebbero compromettere la salute dei detenuti e mettere il governo a rischio di violazione della legge, in una lettera inviata la scorsa settimana al ministro della Difesa, al ministro della Sanità e al procuratore generale di Israele. ‘Proprio questa settimana, a due detenuti sono state amputate le gambe a causa di ferite da manette, un evento che purtroppo è di routine”, ha dichiarato il medico nella lettera. I detenuti vengono alimentati con cannucce, defecano in pannolini e sono tenuti costantemente legati, il che viola l’etica medica e la legge. Il centro di detenzione di Sde Teiman, situato vicino alla città israeliana meridionale di Bèer Sheva, è stato istituito subito dopo lo scoppio della guerra di Gaza per detenere i terroristi di Hamas, compresi quelli che hanno preso parte alle atrocità del 7 ottobre, fino a quando non potevano essere trasferiti in un carcere regolare. In quell’occasione, la Knesset ha approvato un emendamento alla legge sulla detenzione dei detenuti che specificava le condizioni di detenzione.

Dall’inizio dell’operazione di terra nella Striscia di Gaza, la maggior parte dei gazawi arrestati è stata inviata a Sde Teiman per essere indagata per coinvolgimento nel terrorismo. Coloro che sono stati scagionati dai sospetti sono stati rimandati a Gaza.  “Dai primi giorni di attività della struttura medica fino ad oggi, ho dovuto affrontare seri dilemmi etici. Inoltre, vi scrivo [questa lettera] per avvertirvi che le operazioni della struttura non rispettano una sola sezione tra quelle che trattano della salute nella legge sull’incarcerazione dei combattenti illegali”, scrive il medico, sottolineando che tutti i pazienti dell’ospedale allestito a Sde Teiman sono ammanettati per tutti e quattro gli arti, indipendentemente dalla loro pericolosità. Vengono bendati e nutriti con una cannuccia. “In queste condizioni, in pratica, anche i pazienti giovani e sani perdono peso dopo una o due settimane di ricovero”, ha detto il medico. Ha aggiunto che l’ospedale non riceve regolarmente attrezzature mediche o medicinali. Secondo il medico, più della metà dei pazienti dell’ospedale della struttura si trova lì a causa delle ferite riportate per essere stati costantemente ammanettati durante la loro detenzione in Israele. Le manette, ha detto, causano gravi lesioni che “richiedono ripetuti interventi chirurgici”.

“Non esiste il rispetto di alcuna disposizione prevista per la salute dei detenuti”, ha aggiunto. “Questo rende tutti noi, le équipe mediche e coloro che ci incaricano nei ministeri della Sanità e della Difesa, complici della violazione della legge israeliana. E forse peggio per me come medico, perché ho violato il mio impegno fondamentale nei confronti dei pazienti, ovunque essi siano, come ho giurato quando mi sono laureato venti anni fa”. Oltre alle accuse del medico, altre tre fonti hanno riferito ad Haaretz che all’inizio della guerra a un detenuto, le cui mani erano state ferite a causa di manette di plastica per un periodo di tempo prolungato, è stata amputata una mano. Una fonte ha detto che molti detenuti erano in cattive condizioni fisiche. Molti sono stati feriti durante i combattimenti o nel corso della guerra e le loro ferite sono spesso peggiorate a causa delle condizioni di detenzione e della mancanza di igiene a Sde Teiman. Ha aggiunto che altri soffrono di patologie croniche, ma dallo scoppio della guerra c’è stata una continua carenza di medicinali. Alcuni detenuti hanno sofferto di lunghe crisi epilettiche. La fonte ha aggiunto che sebbene molti detenuti soffrano di problemi medici, la maggior parte di loro non viene curata nell’ospedale di Sde Teiman, ma rimane nella prigione regolare e viene curata dai medici. La fonte ha detto che le mani di molti detenuti si sono tagliate e successivamente infettate a causa delle manette. L’affermazione è supportata da detenuti rilasciati a Gaza che mostrano in foto le ferite alle mani. L’Abu Ghraib israeliana.

5 Aprile 2024

Condividi l'articolo