Il caso

Maxi sequestro a Dell’Utri: l’accusa? Regicidio…

Dell’Utri fu l’anello di congiunzione tra Berlusconi e gli anarchici. Si sta indagando sull’ipotesi che l’obiettivo di Berlusconi fosse quello di rendere edificabile l’area dell’attentato. Torna tutto. Sono solo da verificare ancora alcune date.

Editoriali - di Piero Sansonetti - 22 Marzo 2024

CONDIVIDI

Maxi sequestro a Dell’Utri: l’accusa? Regicidio…

I due grandi investigatori di Firenze (Turco&Tescaroli) forse sono riusciti a portare a segno il colpo giudiziario del secolo. Ieri – dopo che vari tribunali avevano sentenziato il contrario – hanno deciso il sequestro di tutti gli averi di Marcello Dell’Utri e della sua ex moglie Miranda Ratti. Si tratta di parecchi milioni.

Le agenzie di stampa dicono che il sequestro sia dovuto a una vecchia condanna per il reato (che purtroppo però non esiste nel codice penale) di concorso esterno in associazione mafiosa (già interamente scontata da Dell’Utri) ma evidentemente non è così. Sarebbe una misura illegittima.

Però noi, corrompendo alcuni sostituti procuratori della Dna e un paio di finanzieri, siamo riusciti ad avere le carte e la vera storia del sequestro. Il motivo è molto serio e non è riferito a un reato inesistente ma un reato gravissimo: regicidio.

I due investigatori hanno trovato delle intercettazioni telefoniche chiarissime, risalenti agli anni 1898 e 1899 tra lo stesso Dell’Utri e Gaetano Bresci. Non sapete chi è Bresci? Ve lo dico io: un amico di Cospito, un anarchico pericolosissimo, che il 29 luglio del 1900 si avvicinò alla carrozza di re Umberto Primo e gli sparò tre colpi di pistola uccidendolo.

Era venuto dall’America per compiere l’attentato. Agì da solo? Difficile pensarlo. Chi gli pagò il bastimento che lo portò da New York a Genova? Chi gli procurò la pistola e la polvere da sparo?
Dopo diversi anni la verità sta emergendo con chiarezza.

L’idea originaria fu di Silvio Berlusconi. E infatti l’attentato avvenne a Monza, città della quale, qualche anno dopo, Berlusconi comprò la squadra di calcio. Dell’Utri fu l’anello di congiunzione tra Berlusconi e gli anarchici. Si sta indagando sull’ipotesi che l’obiettivo di Berlusconi fosse quello di rendere edificabile l’area dell’attentato. Torna tutto. Sono solo da verificare ancora alcune date.

22 Marzo 2024

Condividi l'articolo