Il granchio preso dall'ex Iena

Ismaele La Vardera e i gemiti in commissione Antimafia: il ‘granchio’ preso dall’ex Iena che scatena i leoni da tastiera

Il deputato dell'Assemblea Regionale Siciliana arriva 24 ore dopo su una notizia morta e sepolta: il presunto amplesso di un parlamentare durante l'intervento di Andrea Orlando all'audizione di Cantone all'Antimafia

Politica - di Piero de Cindio - 8 Marzo 2024

CONDIVIDI

Ismaele La Vardera e la commissione Antimafia durante l’audizione di Cantone

Un video registrato durante l’audizione del Procuratore capo di Perugia Raffaele Cantone alla commissione Antimafia sulla vicenda del dossieraggio, è diventato in pochi minuti virale. Infatti durante il dibattito, che si è svolto giovedì 7 marzo, si sentono alcuni gemiti. La presidente della commissione Chiara Colosimo interrompe Andrea Orlando durante il suo intervento dicendo: “C’è un audio acceso da casa“, chiedendo quindi ai collegati da remoto di verificare che il proprio microfono fosse spento. Tra l’ilarità dei presenti, e un sorrisetto anche di Cantone, la seduta poi prosegue.


Successivamente il video ha iniziato a circolare sulle principali testate online. Ci ha pensato poi, qualche ora dopo, il deputato del Pd Walter Verini a chiarire la vicenda. Intervistato da Giorgio Lauro ed Enzo Iacchetti a “Un giorno da pecora” su Rai Radio 1, il membro della commissione Antimafia ha detto: “Era un parlamentare malato da lungo tempo che ha avuto una forma di dolore vero. Capisco la curiosità ma stopperei subito la cosa. Pur da malato questa persona assiste agli incontri e magari scrive perché non può parlare“. Dopo queste dichiarazioni molti dei contenuti pubblicati online sono spariti, mentre altri sono stati rettificati.

LA VARDERA: “UNO DEI VIDEO PEGGIORI DELLA STORIA DELLA REPUBBLICA”

A distanza di 24 ore, però, si è ‘svegliato’ Ismaele La Vardera. Il deputato dell’Ars, con un video pubblicato su TikTok e sul suo profilo Instagram Ciuffo Rosso pieno di imprecisioni e confusione, rilancia la notizia – uscita, morta e sepolta nel giro di poche ore il giorno prima… – dicendo: “Durante la commissione Antimafia su un tema molto importante come quello del dossieraggio che vedrebbe coinvolti molti esponenti politici, si sono iniziate a sentire degli orgasmi di qualcuno che aveva lasciato il microfono aperto che mentre partecipava alla commissione era impegnato a fare qualcos’altro“. La Vardera poi si spinge molto in avanti con il suo teorema e sbaglia persino il Parlamento in cui si stava svolgendo la commissione Antimafia: “Quello che è accaduto durante una commissione del parlamento siciliano (era il parlamento nazionale ndr) è degna di uno dei video peggiori della storia della Repubblica“. Infine l’ex Iena chiede alla Colosimo “Tutte le verifiche poiché tutto questo non fa ridere ma piangere“.


Quello che fa sorridere, piuttosto, è che La Varderaprende un granchio‘ con 24 ore di ritardo su una cosa già superata, ma forse quello che fa piangere è il fatto che nessuno dei suoi follower (quasi 90 mila tra cui 74mila su Instagram e 15mila su TikTok) glielo faccia notare, anzi ha scatenato i leoni da tastiera come chi chiede nome e cognome e dimissioni del deputato…

8 Marzo 2024

Condividi l'articolo