Il caso a Reggio Emilia

Incappucciato e pestato dallo Stato, a Reggio Emilia

Lo hanno trascinato nel corridoio, poi lo hanno buttato a terra e lo hanno riempito di calci e pugni: in faccia, sul costato, sulle gambe sulla schiena. Per circa 7 minuti. Poi lo hanno denudato e lo hanno riportato in cella. Prima di chiudere lo hanno picchiato ancora.

Giustizia - di Redazione Web - 10 Febbraio 2024

CONDIVIDI

Incappucciato e pestato dallo Stato, a Reggio Emilia

Una decina di guardie carcerarie, a Reggio Emilia, hanno preso un detenuto dalla sua cella, gli hanno messo un cappuccio in testa, lo hanno trascinato nel corridoio, poi lo hanno buttato a terra e lo hanno riempito di calci e pugni: in faccia, sul costato, sulle gambe sulla schiena.

Per circa 7 minuti. Poi lo hanno denudato e lo hanno riportato in cella. Prima di chiudere lo hanno picchiato ancora. Si vive così nelle carceri italiane. Ministro Nordio, lei deve saperlo. Ministro Nordio, bisogna intervenire. È possibile da subito scarcerare almeno 30mila persone e aumentare i controlli. L’ideale, lo sapete bene, è abolire questi luoghi di prepotenza, vessazione e infamia di Stato.

10 Febbraio 2024

Condividi l'articolo