La coppia

Geolier: chi è la fidanzata del rapper a Sanremo con “I p’ me, tu p’ te”, i “Ferragnez napoletani”

Il rapper napoletano Geolier, fenomeno musicale del 2023, e la fidanzata. Una coppia social

Gossip - di Redazione Web - 6 Febbraio 2024

CONDIVIDI

FOTO DA INSTAGRAM
FOTO DA INSTAGRAM

Per dare una misura della notorietà Il Corriere del Mezzogiorno li ha ribattezzati “i Ferragnez napoletani”. E non era poi quest’esagerazione considerando che lui è seguito da più di due milioni di persone e lei neanche scherza. Lui è Emanuele Palumbo, in arte Geolier, rapper e golden boy della musica italiana con numeri di vendite da capogiro. Lei è Valeria, la sua fidanzata in arte VD’A. Sono una delle coppie più virali del momento, considerando anche la partecipazione del cantante al Festival di Sanremo con il brano I p’me, tu p’te.

La coppia sta insieme da tempo, da un paio d’anni almeno. Lui si ispira a lei per tante delle sue canzoni, gliele ha dedicate. L’ha chiamata spesso moglie. “Lei ha insegnato molte cose a me e io altrettante a lei. Tra noi c’è un confronto costante, ma soprattutto un rapporto magnifico”, ha dichiarato il rapper a Il Corriere della Sera. Valeria è diventata un’influencer, sarebbe attiva soprattutto nell’ambito della moda secondo quanto scriveva il quotidiano. Non si conosce quale sia il suo nome e cognome, né quanti anni abbia. Almeno 300mila follower su Instagram.

Qualche anno fa erano stati anche al centro di una polemica: sui social avevano pubblicato le immagini in cui si vedeva lei, esortata da lui, mentre sparava con una pistola da un balcone durante i festeggiamenti di Capodanno. Il rapper si era subito scusato. Qualche giorno dopo aveva tenuto un monologo su Napoli e il napoletano che era diventato virale. Polemica morta e sepolta nel giro di pochissimo.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da VD’A (@_imvda1)

Chi è Geolier

Emanuele Palumbo in arte Geolier, ha 23 anni e viene da Secondigliano, dov’è rimasto a vivere. “La mia è stata un’infanzia da grande. Ho fatto le mezze giornate a lavoro quando ancora andavo a scuola. Non ho mai chiesto soldi a mia mamma. Me li metteva lei sul comodino”, ha raccontato in un’intervista a Noisey. Ha scritto la sua prima canzone a 12 anni, è cresciuto con il rap americano e napoletano. Ha vinto 53 dischi di platino e 23 dischi d’oro.

Lavorava in una fabbrica di lampadari prima di lasciare tutto e di dedicarsi totalmente alla musica. È esploso con P Secondigliano, è stato valorizzato da Luchè. Il suo primo album EMANUELE è uscito nel 2019. Il Coraggio dei bambini, il suo secondo disco, è stato da subito un successo devastante. Il più venduto in Italia nel 2023. Geolier è una parola che in francese indica il “secondino”, espressione con la quale alcuni indicano gli abitanti di Secondigliano.

Il testo della canzone di Geolier a Sanremo, “I p’ me, tu p’ te”

di D. Simonetta – P. Antonacci – E. Palumbo – M. Zocca – G. Petito – D. Totaro – F. D’Alessio

Ed. Eclectic Music Publishing/Thaurus Publishing/Golden Boys/ Nuova Nassau/Music Union/Management33 Music/ Wonder Manage/Studio Uno Sound – Milano

Nuij simm doije stell ca stann precipitann

T stai vestenn consapevole ca tia spuglia

Pur o’mal c fa ben insiem io e te

Ciamm sprat e sta p semp insiem io e te

No no no comm s fa

No no no a t scurda

P mo no, no pozz fa

Si ng stiv t’era nvta

A felicità quant cost si e sord na ponn accatta

Agg sprecat tiemp a parla

Nun less pnzat maij

Ca all’inizij ra storij er gia a fin ra storij p nuij

O ciel c sta uardann

E quant chiov e pcchè

Se dispiaciut p me e p te

Piccio mo sta iniziann a chiovr

Simm duij estranei ca s’incontrano

E stev pnzann a tutte le cose che ho fatto

E tutto quello che ho perso, non posso fare nient’altro

I p’me tu p’te

I p’me tu p’te

I p’me tu pe’te

Tu m’intrappl abbraccianm

Pur o riavl er n’angl

Comm m può ama si nun t’am

Comm può vula senz’al, no

È passat tantu tiemp ra l’ultima vot

Ramm natu poc e tiemp p l’ultima vot

No, no no no comm s fa

No no no a t scurda

P mo no, no pozz fa

Nun less pnzat maij

Ca all’inizij ra storij er gia a fin ra storij p nuij

O ciel c sta uardann

E quant chiov e pcchè

Se dispiaciut p me e p te

Piccio mo sta iniziann a chiovr

Simm duij estranei ca s’incontrano

E stev pnzann a tutte le cose che ho fatto

E tutto quello che ho perso, non posso fare nient’altro

I p’me tu p’te

I p’me tu p’te

I p’me tu p’te

I p’me tu p’te

I p’me tu p’te

I p’me tu p’te

I p’me tu p’te

I p’me tu p’te

Sta nott e sul ra nostr,

Si vuo truann a lun a vac a piglia e ta port,

E pur si o facess tu nun fuss cuntent,

Vuliss te stell, vuless chiu tiemp cu te.

Piccio mo sta iniziann a chiovr

Simm duij estranei ca s’incontrano

E stev pnzann a tutte le cose che ho fatto

E tutto quello che ho perso, non posso fare nient’altro

I p’me tu p’te

I p’me tu p’te

I p’me tu p’te

6 Febbraio 2024

Condividi l'articolo