Fortemente indiziati

Karol Canu e Giuseppe Contini: fermati per rapina a mano armata, il caso dei minori scomparsi nel nulla e ritrovati a Olbia

L'ipotesi dietro la fuga, l'allontanamento volontario. La scomparsa aveva gettato nel panico una città intera. I due minorenni ritrovati in una chiesa sconsacrata in campagna

Cronaca - di Redazione Web - 4 Febbraio 2024

CONDIVIDI

FOTO DI REPERTORIO
FOTO DI REPERTORIO

Karol Canu e Giuseppe Contini si troverebbero in stato di fermo: secondo quanto riporta Rainews indiziati del reato di rapina a mano armata. Al momento si trovano nel Centro di prima accoglienza i due minorenni scomparsi nel nulla il 25 gennaio a Olbia e ritrovati ieri pomeriggio. Un caso che aveva gettano nel panico due famiglie e una città intera, mobilitato un apparato imponente per ritrovare i ragazzi. I Carabinieri e la Polizia stavano seguendo da tempo la traccia dell’allontanamento volontario.

I due ragazzi erano spariti nel nulla lo scorso 25 gennaio, avvistati per l’ultima volta in un bar nella città in provincia di Sassari. I cellulari spenti, i caricabatterie lasciati a casa. Non risultava avessero con loro abiti pesanti e altri generi di prima necessità. I genitori avevano lanciato appelli sui social, il caso era arrivato anche alla trasmissione “Chi l’ha visto?” su Rai3.

La scomparsa di Karol Canu e Giuseppe Contini

Per ritrovarli erano stati impegnati le forze dell’ordine, decine di uomini e gruppi di volontari, perfino l’elicottero Fiamma, dislocato presso il 10/mo Nucleo Elicotteri Carabinieri di Olbia. Le ricerche erano andate avanti su tutto il territorio di Olbia, nelle periferie, nelle campagne e nelle frazioni campestri. Uno dei primi indizi che ha indirizzato gli investigatori era stata la versione di un amico dei due giovani che aveva raccontato come qualche giorno prima della scomparsa uno dei due ragazzi avesse raccontato di aver combinato “un casino”.

Il ritrovamento e l’ipotesi della rapina

La mobilitazione aveva coinvolto la prefettura e due procure, quella di Tempio Pausania e quella dei minori di Sassari. La svolta ieri pomeriggio: Carabinieri e Polizia hanno trovato i due ragazzi in una chiesa sconsacrata, nelle campagne attorno alla città, dopo aver seguito alcuni amici che gli stavano portando dei generi di conforto. I due sono stati ritrovati in buone condizioni.

Quella della fuga dopo la rapina a mano armata ai danni di un esercente locale è un’ipotesi al momento, su cui gli stessi ragazzi saranno interrogati. Elisabetta Loriga, la madre del 17enne Giuseppe Contini, ha espresso “gratitudine per l’encomiabile servizio pubblico svolto, alla Polizia di Stato e ai Carabinieri di Olbia, al pubblico ministero della Procura di Tempio Daniele Rosa, e anche agli organi di informazione”.

4 Febbraio 2024

Condividi l'articolo