Addio "Rombo di tuono"

Gigi Riva, addio ad un campione amato da tutti: timido e silenzioso, rifiutò le grandi per il suo Cagliari

Editoriali - di Piero Sansonetti - 22 Gennaio 2024 alle 20:42

Condividi l'articolo

Gigi Riva con la maglia del Cagliari e della Nazionale
Gigi Riva con la maglia del Cagliari e della Nazionale

E’ morto Gigi Riva. Uno dei più grandi campioni di calcio di tutti i tempi. Aveva 79 anni. Era lombardo di Leggiuno ma da ragazzo si era trasferito a giocare a pallone a Cagliari ed era diventato cagliaritano. Della sua generazione è stato forse il più grande. Giocava col numero 11 sulla maglia, ala sinistra in teoria, ma era un attaccante puro. Travolgente, preciso e potentissimo. Tirava col sinistro, tirava cannonate. Lo chiamavano rombo di tuono. O anche il piede sinistro di Dio.

Insieme a un grande allenatore, Manlio Scopigno, trascinò una squadretta che era salita dalla B da pochi anni a vincere lo scudetto. A suon di gol. Il Cagliari era in serie A da appena 6 anni quando vinse.

Riva era un ragazzo di 26 anni e aveva raggiunto un valore di mercato altissimo. Lo volevano la Juve, il Milan, l’Inter. Lo avrebbero coperto d’oro. E lui avrebbe vinto tutto se fosse andato in una grande squadra. Forse anche la coppa dei Campioni. Lui, sempre timido e silenzioso, si limitò a scuotere la testa: “Resto a Cagliari”. Facendo saltare il mercato.

Fu tra i protagonisti dell’impresa italiana in Messico nel 1970, quando insieme a Rivera guidò la nazionale a liquidare la Germania nella famosa finale del 4 a 3. Giocava con furia, grinta, forza, per questo si infortunò molto spesso e anche in modo grave.

Credo che fosse amato da tutti in Italia. Oltre le fazioni, le maglie, il tifo. Se ne va così presto. Viene da piangere.

22 Gennaio 2024

Condividi l'articolo