Morti bianche

Incidente sul lavoro a Milano: la vittima è Mohammed Alì

Origini egiziane, 28 anni, il giovane è rimasto schiacciato da un carico trasportato e sganciatosi da una gru. È l'ennesimo decesso sul lavoro. L'uomo era sposato e aveva una figlia piccola

Cronaca - di Redazione Web - 11 Dicembre 2023

CONDIVIDI

Incidente sul lavoro a Milano: la vittima è Mohammed Alì

Un operaio di 28 anni, Mohammed Alì di origini egiziane, è morto schiacciato dal carico di una gru, questa mattina, a Milano, in via Parravicini. Inutili i soccorsi, l’uomo è deceduto sul colpo. È accaduto in un cantiere edile, nella zona della Stazione Centrale, intorno alle 9 di questa mattina. Per recuperare il corpo sono intervenuti i vigili del fuoco. L’operaio è rimasto schiacciato mentre si trovava sotto il carico al decimo piano di una struttura in costruzione, caduto dalla gru dopo un cedimento. La ricostruzione della dinamica dell’infortunio è in corso da parte del personale di Ats intervenuto sul posto.

Incidente sul lavoro a Milano: la vittima è Mohammed Alì

Secondo quanto riferito dai vigili del fuoco, l’uomo stava lavorando con alcuni colleghi e durante la movimentazione dell’autogru una cassaforma – un involucro prefabbricato utilizzato per contenere le colate di cemento armato – si è sganciato cadendogli addosso. Gli operatori del 118, giunti con un’ambulanza e un’automedica, hanno potuto solo constatare la morte del 28enne. Quest’ultimo ha lasciato una moglie e una bimba di tre anni. Sulla vicenda si è espresso il sindaco di Milano Giuseppe Sala:

Incidente sul lavoro a Milano: ultime notizie

Quello che è successo rappresenta l’ennesima tragedia sul lavoro, continuiamo a fare richiami sulla sicurezza ma obiettivamente non si fa abbastanza. Vanno bene i protocolli, va bene tutto però c’è da fare di più sul tema della sicurezza. Mi ricordo quello che abbiamo fatto a Expo che non era soltanto un protocollo ma una vigilanza continua dei lavori. Il tema della sicurezza sta diventando una questione estremamente delicata e che esplode a momenti di fronte a delle tragedie, poi un po’ ci si dimentica ma non può funzionare così“.

11 Dicembre 2023

Condividi l'articolo