Il giallo

Trovato morto in casa a Firenze con un sacchetto in testa e le mani legate: il corpo scoperto dal fratello

Cronaca - di Redazione - 30 Novembre 2023

CONDIVIDI

Trovato morto in casa a Firenze con un sacchetto in testa e le mani legate: il corpo scoperto dal fratello

A trovarlo senza vita nel suo appartamento di Firenze in via de Pinedo è stato il fratello, dato che la vittima non dava notizie e non rispondeva al telefono. Il 72enne Safei Chaikar Kiomars, iraniano e venditore ambulante di bigiotteria, è stato rinvenuto cadavere intorno alle 13 di oggi nell’abitazione nelle vicinanze del polo universitario di Novoli e del palazzo di Giustizia del capoluogo toscano.

Tutto lascia intendere che si sia trattato di un omicidio. “Mio zio non rispondeva al telefono da qualche ora e io e mio padre siamo venuti a sentire se stava bene. A trovarlo è stato mio padre. La porta d’ingresso era aperta e mio zio era legato mani e piedi“, ha dichiarato il nipote a Repubblica. Il 72enne inoltre aveva un sacchetto in testa.

Il procuratore sul posto

Nell’abitazione sono stati avviati i rilievi medico legali e di polizia scientifica: la zona è stata isolata e gli investigatori, presente la Squadra Mobile di Firenze, stanno raccogliendo testimonianze. Sul luogo è arrivato anche il procuratore capo di Firenze, Filippo Spiezia, che ha esaminato a sua volta l’appartamento situato al sesto piano del palazzo, in una strada parallela a viale Guidoni.

Uscito dalla casa dove è stato trovato il corpo, Spiezia ha spiegato ai giornalisti che “si tratta di un caso molto complesso, ci sono tante tracce che potrebbero essere utili”. L’uomo, ha aggiunto il procuratore capo di Firenze, sarebbe morto “in mattinata, ma è ancora troppo presto per dirlo”.

Le telecamere

Edificio che, come riferisce Repubblica, è dotato di un sistema di sorveglianza interno, con la telecamera puntata verso l’ingresso della palazzina. Per questo sul posto sono presenti i tecnici che dovranno occuparsi di reperire le immagini che potrebbero aver catturato l’ingresso e l’uscita di chi si è recato presso l’appartamento di Safei Chaikar Kiomars.

La vittima viveva da solo nell’abitazione, che è stata messa a soqquadro da chi lo ha aggredito.

di: Redazione - 30 Novembre 2023

Condividi l'articolo