La commemorazione e i fermi

Neonazisti italiani ad Atene, 21 arresti all’aeroporto: volevano partecipare a un raduno di Alba Dorata

Gli arrestati volevano partecipare alla commemorazione di due militanti del partito di estrema destra, sciolto tre anni fa, uccisi a colpi di arma da fuoco. Saranno espulsi

News - di Redazione Web - 1 Novembre 2023

CONDIVIDI

Foto di repertorio dell’aeroporto internazionale di Atene (Lapresse)
Foto di repertorio dell’aeroporto internazionale di Atene (Lapresse)

Arrestati all’aeroporto di Atene, capitale della Grecia, 21 neonazisti italiani che avrebbero voluto partecipare a un raduno di estrema destra nel nord della città. Il quotidiano greco Kathimerini cita fonti istituzionali e riporta che le forze dell’ordine sarebbero state avvisate in anticipo dell’arrivo in aeroporto. Gli arrestati sono stati trasferiti nell’ufficio di immigrazione dello scalo internazionale.

L’evento era previsto a Neo Iraklio, a nord di Atene, ed è in programma oggi. È stato organizzato per commemorare due esponenti del partito neonazista greco Alba Dorata e sciolto tre anni fa, Manolis Kapellonis e Yorgos Fundulis, uccisi a colpi di arma da fuoco nel 2013 fuori a una sede del movimento proprio a Neo Iraklio. La commemorazione è stata vietata dalla polizia greca che ha vietato anche altre eventuali contromanifestazioni da parte di gruppi di sinistra.

Dopo il trasferimento all’ufficio immigrazione dell’aeroporto internazionale “Eleftherios Venizelos”, è partita la procedura per l’espulsione dei 21 italiani per motivi di sicurezza nazionale. I fermati avevano risposto all’invito degli organizzatori del raduno inviato in tutta Europa.

1 Novembre 2023

Condividi l'articolo