La biografia

Chi era Antonio Giolitti, uno dei cavalli di razza della scuderia di Togliatti

Politica - di Redazione - 4 Giugno 2023 alle 10:15

Condividi l'articolo

Chi era Antonio Giolitti, uno dei cavalli di razza della scuderia di Togliatti

Antonio Giolitti è nato il 12 febbraio del 1915. Durante la prima guerra mondiale. Suo nonno era Giovanni Giolitti, forse il più importante statista liberale dell’Italia unita. Antonio studiò legge, si laureò nel 1940 e subito dopo si iscrisse al Pci. In clandestinità. Fu uno dei dirigenti della Resistenza in Piemonte, insieme a Pajetta. E subito dopo la guerra entrò nel governo Parri come sottosegretario agli Esteri. Non aveva ancora 30 anni. Con Giorgio Amendola (anche lui figlio d’arte), e con Pietro Ingrao e Mario Alicata fu uno dei quattro giovani cavalli di razza di Togliatti. Però nel 1956 ruppe.

Dopo l’invasione sovietica dell’Ungheria, con un clamoroso discorso di dissenso pronunciato al Congresso del Pci, abbandonò il partito. Passò al Psi, fu più volte ministro. Nel 1978 fu candidato alla Presidenza della repubblica. Ma nella sua lunghissima carriera ci furono altri due atti di rottura. Col centrosinistra nel 1964, dopo il tentativo di golpe (il piano Solo) e la svolta moderata di Moro: non volle rientrare nel governo. E poi nel 1985 quando abbandonò il Psi in dissenso con Craxi. E tornò ad avvicinarsi al Pci. Morì a 95 anni.

di: Redazione - 4 Giugno 2023

Condividi l'articolo