Così l’Italia va alla rovina

Senza Berlusconi il centrodestra è zero, diventa fascistaglia su posizioni populiste e reazionarie

Editoriali - di Piero Sansonetti - 21 Maggio 2023

CONDIVIDI

Senza Berlusconi il centrodestra è zero, diventa fascistaglia su posizioni populiste e reazionarie

Silvio Berlusconi è tornato a casa. Dopo molte settimane in ospedale. Se Dio vuole i medici dicono che sta molto meglio. È una buona notizia non solo dal punto di vista umano. La speranza è che Berlusconi torni a fare politica. Dico una cosa in più: torni a prendere in mano le redini del centrodestra. Senza Berlusconi il centrodestra è zero. Dico meglio: è La Russa.

Berlusconi è l’uomo che a metà degli anni novanta pose fine a cinquant’anni di dominio incontrastato del centro, del centrosinistra e anche della sinistra. L’Italia, dal ‘45 in poi, era stata guidata essenzialmente dalla Democrazia Cristiana, con la collaborazione dei socialisti e negli anni settanta – in forme spurie – dei comunisti che ebbero un peso determinante nella politica riformista. La destra era fuori. C’era un fattore “M”. Scontava l’eredità pestilenziale del fascismo. Ci furono due timidi tentativi, durati poco più di un pomeriggio, di riportare brandelli di destra in maggioranza. Il governo Tambroni nel 1960, coi voti del Msi, e il governo Andreotti-Malagodi, nel 1972, a forte impronta liberale di destra. Stop.

È stato Berlusconi a sdoganare la destra, legittimarla e portarla al governo. Suscitando l’ira della sinistra, sbigottita di fronte a qualcosa che non capiva, e soprattutto della magistratura, che scese in campo violando lo stato di diritto per fermare il cav. Però Berlusconi, alternandosi con Prodi e D’Alema, riuscì a normalizzare la destra. A portarla dentro le regole democratiche del conflitto. A conferirle autorevolezza e moderazione. Anche sul piano internazionale.

Da qualche anno sembra aver perso lo scettro. E questo ha spinto la destra su posizioni estreme, propagandistiche, populiste, reazionarie. La guida è stata conquistata da una giovane erede di Almirante e le capacità di governare l’Italia sono a zero. Lo dimostrano le sberle prese negli ultimi tre giorni dalla Francia, poi da Bankitalia, poi al G7.

Così l’Italia va alla rovina. La destra ha bisogno assoluto di Berlusconi. Sennò diventa fascistaglia.

21 Maggio 2023

Condividi l'articolo