L'anniversario

Festa della Repubblica Italiana: perché si festeggia il 2 giugno

Oggi la celebrazione con Mattarella, i rappresentanti delle principali istituzioni e i leader politici. La storia e tutti gli appuntamenti

Politica - di Redazione Web - 2 Giugno 2024

CONDIVIDI

Festa della Repubblica Italiana: perché si festeggia il 2 giugno

La Repubblica è grata alle donne e agli uomini delle Forze Armate per i compiti assolti negli impegnativi teatri operativi ove sono chiamati ad operare, nell’ambito delle missioni delle Nazioni Unite, di quelle frutto della solidarietà fra i Paesi dell’Alleanza Atlantica, delle decisioni alle quali abbiamo concorso in sede di Unione Europea. La garanzia della civile convivenza, lo sviluppo e il perseguimento della giustizia internazionale sanno di poter contare sulla cornice di sicurezza offerta dalle Forze Armate. Nel fare memoria di quanti hanno perso la vita a difesa dei valori della nostra comunità rivolgo il mio deferente pensiero ai caduti che hanno contribuito a rendere l’Italia un Paese unito e una nazione libera e democratica. In questo giorno di festa giunga a tutti gli appartenenti alle Forze Armate l’apprezzamento del popolo italiano per il servizio svolto e l’augurio più cordiale“. È quanto scrive il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio al Capo di Stato Maggiore della Difesa, Ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone in occasione del 2 giugno.

La Festa della Repubblica: le parole di Sergio Mattarella

La Festa della Repubblica ci porta alle radici di una storia di 78 anni, che nasce dalla partecipazione di cittadini e cittadine, dalla speranza e dalla voglia di ricominciare, e ricostruire, dopo la liberazione dal nazifascismo e la fine della guerra. Guida in questo cammino è stata, ed è, la Costituzione, di cui abbiamo celebrato l’anno scorso i 75 anni. Il 2 Giugno rappresenta inoltre l’occasione per tornare a esprimere la più sentita riconoscenza a chi ha dato la vita per la libertà e la democrazia e a chi ne ha difeso e continua a difendere i valori. L’auspicio è che il loro esempio possa essere faro per le nuove generazioni“. Lo dichiara il Presidente della Camera dei deputati, Lorenzo Fontana.

Il Presidente della Camera

Siamo in una campagna elettorale per le elezioni europee e questa festa ci ricorda anche la prima idea di Europa, che era una idea di Europa che immaginava che la sua forza, la forza della sua unione, fosse anche la forza e la specificità degli stati nazionali. Forse dovremmo tornare a quell’embrione di idea europea e di sogno europeo“. Lo ha detto la presidente del Consiglio Giorgia Meloni ai Fori Imperiali, per la festa della Repubblica, per assistere per la parata del 2 giugno. “Questa è una festa di un’importanza straordinaria. Molto importante anche per questa fase, perché siamo in una situazione in cui tante certezze sono in discussione, come la pace, e c’è bisogno della Repubblica, dello Stato, della Nazione, per affrontarle con responsabilità“. Ha ribadito Meloni.

Il Presidente del Consiglio Giorgia Meloni

Il presidente della Repubblica, intanto, ha ricevuto, in via di San Gregorio a Roma, la presentazione dei reparti schierati per poi andare in tribuna presidenziale ed assistere alla tradizionale parata che dal 1948, il giorno della festa della Repubblica, si svolge lungo via dei Fori Imperiali e coinvolge tutte le componenti dello Stato: personale militare e civile – tra cui 300 sindaci – che saranno poi seguiti da corpi armati e non armati, bandiere e stendardi, bande e fanfare militari.

2 Giugno 2024

Condividi l'articolo