Il racconto dalla nave

La tratta di Stato: salvati a Lampedusa, fatti sbarcare a Livorno e trasferiti a Brindisi

Una volta raggiunto il porto toscano assegnato per lo sbarco, a 900 km da dove sono stati salvati, molti dei 183 naufraghi a bordo della Humanity1 saranno caricati sui pullman e portati in Puglia.

Cronaca - di Angela Nocioni - 30 Maggio 2024

CONDIVIDI

Foto: Pietro Bertora
Foto: Pietro Bertora

Dalla nostra inviata a bordo di Humanity1

Hanno dormito nell’hotspot di Lampedusa la mamma e la sorellina di M., la bambina di 6 mesi morta in braccio alla madre in un barchino di alluminio alla deriva e soccorsa martedì all’alba dalla nave Humanity1, della ong tedesca Sos Humanity, a 17 miglia di Lampedusa, a 50 miglia dalla Tunisia.

La ragazza, appena arrivata in evacuazione medica sull’isola, è stata prima interrogata dalla polizia e poi messa a dormire con la bambina treenne in uno degli hotspot più gremiti d’Italia. Far passare ad entrambe una prima notte in un modo più decente non è stata preoccupazione di nessuno.

All’Unità, da fonti italiane a terra, risulta che molti dei 183 altri naufraghi a bordo per i quali è stato assegnato come porto di sbarco Livorno, più di 900 chilometri distante da dove sono stati salvati -una volta scesi a Livorno, terminate le procedure di fotosegnalazione – saranno portati in pullman e furgoni a Brindisi.

Questa è la destinazione prevista per la gran parte dei 90 minori non accompagnati attualmente sulla nave. Solo qualcuno andrà in Emilia Romagna, gli adulti soltanto resteranno in Toscana.

Quindi noi, che siamo l’Italia, a naufraghi tra cui due donne incinte, una delle quali adolescente, non diamo come luogo di sbarco obbligatorio un qualsiasi porto del sud Italia. E no.

Tu resti alla deriva in mezzo al mare, sei vivo solo grazie a dei ragazzi volontari a bordo di una ong tedesca e io ti faccio sbarcare a Siracusa, a Trapani? Ti lascio andare subito in ospedale? Bella la vita eh?

Gli facciamo fare altri due giorni di navigazione e non importa se a bordo, tra persone traumatizzate con scabbia e ustioni da carburante, ce ne sono 40 che hanno visto morire una bambina di sei mesi nel loro barchino e sono rimaste alla deriva con lei e la mamma pensando di fare la stessa fine. Noi, dopo avergli fatto risalire tutta la penisola fino a Livorno, li spediamo in autobus a Brindisi.

30 Maggio 2024

Condividi l'articolo